menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le mascherine sono state consegnate dalla Protezione civile

Le mascherine sono state consegnate dalla Protezione civile

Coronavirus, 60mila mascherine consegnate a Rsa e presidi socio-assistenziali piemontesi

Caucino: "Un passo importante per dare adeguata protezione a chi rischia la propria vita quotidianamente, mettendosi al servizio di chi ha più bisogno in questo momento"

Le residenze e i presidi socio assistenziali presenti sul territorio piemontese da ieri, venerdì 3 aprile, sono stati dotati di altre 60mila mascherine.

Si tratta della seconda tranche che riguarda la tipologia "chirurgica", fanno sapere dalla Regione, e che fa seguito a una prima distribuzione di 42mila dispositivi "lavabili". La Protezione civile della Regione, con l’ausilio dei volontari, ha consegnato a tutti i presidi del Piemonte, comprese le Rsa, una dotazione complessiva di circa 102mila mascherine per consentire agli operatori di poter lavorare in sicurezza.

Coronavirus, 30mila mascherineper gli operatori delle case di riposo piemontesi

"Questa fornitura - ha sottolineato l'assessore regionale al Welfare Chiara Caucino - è un passo importante per dare adeguata protezione a chi rischia la propria vita quotidianamente, mettendosi al servizio di chi ha più bisogno in questo momento. È segno che la macchina regionale si sta muovendo con tutti i mezzi a disposizione, per supportare la gestione della salvaguardia e della tutela dei lavoratori e degli ospiti dei presidi socio-assistenziali. Gli assessorati regionali lavorano costantemente in sinergia e sono pienamente operativi per affrontare nel modo più incisivo e concreto possibile questa importante emergenza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Piemonte si potrà fare visita ai pazienti ricoverati in ospedale

Verbano Cusio Ossola

Baveno, chiusa la scuola materna per covid: bambini in quarantena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento