rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Attualità

Coronavirus, al via anche nel novarese la somministrazione del nuovo vaccino

Il nuovo vaccino bivalente può essere somministrato solo come dose di richiamo (booster). Due gli hub vaccinali nel novarese in cui è possibile recarsi per la somministrazione

Da lunedì 12 settembre hanno preso il via anche nel novarese le somministrazioni del nuovo vaccino anti covid bivalente Comirnaty Pfizer.

"Si tratta di un vaccino che comprende anche gli antigeni appartenenti alla variante Omicron BA.1 - spiegano dall'Asl di Novara in una nota stampa - oltre a quelli del virus Sars-Cov 2 già contenuti nel precedente vaccino; la tecnica di preparazione, le indicazioni e le altre caratteristiche del vaccino sono analoghe al precedente vaccino Comirnaty già in uso; il vaccino bivalente tuttavia può essere utilizzato soltanto per la somministrazione delle dosi di richiamo (cosiddetto booster), ma non per il ciclo vaccinale primario".

Le disposizioni ministeriali e regionali prevedono il via libera alla quarta dose con il nuovo vaccino, oltre che per le categorie per cui era già autorizzata (over 60, over 80, soggetti fragili), anche per il personale sanitario, per operatori e ospiti delle Rsa e per le donne in gravidanza, a condizione che siano trascorsi almeno 120 giorni dall’ultima somministrazione, e che non abbiano già ricevuto la seconda dose booster.

I lavoratori del Servizio sanitario nazionale pubblico saranno presi in carico direttamente dalle strutture in cui lavorano, mentre chi opera nel sistema privato sarà convocato presso uno degli hub attraverso la preadesione sul portale www.ilpiemontetivaccina.it a partire dal 19 settembre. Sempre dal 19 settembre le donne in gravidanza che desiderano ricevere la quarta dose potranno recarsi ad accesso diretto presso uno degli hub vaccinali del territorio, dopo aver scaricato dal portale regionale la documentazione per l’autocertificazione.

Nel novarese, la vaccinazione può essere somministrata, per alcune categorie di cittadini, presso gli uub vaccinali, in accesso diretto (senza preadesione), di:

  • Borgomanero - Centro parrocchiale Santa Croce di via Nassiriya 2 - nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 17;
  • Novara - viale Roma 7 - Ingresso A3 sotterraneo presso hotspot tamponi - nei giorni di martedì, giovedì e sabato dalle 15 alle 17.

L’accesso diretto è riservato:

  • ai soggetti di età superiore a 80 anni, che debbano ricevere la quarta dose (seconda dose booster), e per i quali siano decorsi almeno 120 giorni dalla data della terza dose;
  • ai profughi provenienti dall’Ucraina;
  • ai soggetti over 12 anni che devono eseguire la prima dose;
  • a coloro che devono eseguire la terza dose e che hanno maturato 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario;
  • ai turisti temporaneamente presenti nel territorio dell’Asl di Novara, dietro presentazione di certificato vaccinale relativo alle precedenti dosi (non Green pass) e autocertificazione compilata.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, al via anche nel novarese la somministrazione del nuovo vaccino

NovaraToday è in caricamento