menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle mascherine utilizzate dagli operatori socio sanitari a domicilio

Una delle mascherine utilizzate dagli operatori socio sanitari a domicilio

Coronavirus: "Poche tutele per operatori dei servizi domiciliari e per gli utenti anziani e disabili"

La denuncia della Cgil, che evidenzia come manchino i dispositivi di protezione personale e i controlli per chi è stato in contatto con pazienti Covid positivi

"Non solo le Rsa e le strutture H24 per persone fragili sono a rischio contagio, ma anche il personale dei servizi domiciliari e gli utenti anziani e disabili a cui essi si rivolgono". La denuncia arriva dalla Cgil di Novara.

Sono diversi gli operatori socio sanitari e le persone che si occupano dell'assistenza domiciliare ad anziani e disabili che si sono lamentate per l'assenza di tutele. In alcuni casi, come la foto dell'articolo riporta, non ci sono dispositivi di protezione adeguati, ma solo mascherine "fai da te" o non certificate.

"La situazione è da un certo punto di vista ancora più pericolosa - scrive il segretario Paolo Del Vecchio - se il personale, entrato in “stretto contatto senza i dispositivi appositi” con utenti o familiari degli stessi che abbiano contratto il Covid o siano in isolamento fiduciario disposto dalle istituzioni sanitarie, non viene messo immediatamente in quarantena, ma continua ad essere mandato a lavorare in altri domicili, e rischia di diventare esso stesso, in maniera inconsapevole, veicolo di contagio Covid 19".

"Stiamo già da molti giorni denunciando questa situazione critica alle cooperative del territorio, agli enti gestori, all’Asl e alla prefettura - prosegue Del Vecchio -. In particolare i Dpi, soprattutto le mascherine, non sempre sono in quantità utile o non sappiamo se quelle fornite (non prettamente chirurgiche e no FFP2/FFP3) siano equivalenti. Al personale poi non viene fatto fare il tampone: riteniamo indispensabile che tutto il personale e tutti gli utenti dei servizi domiciliari siano sottoposti, anche ripetutamente, al test del tampone per identificarne la positività o meno. Il personale inoltre non viene immediatamente fermato dalle proprie cooperative se entrato in stretto contatto con utenti Covid positivi: riteniamo indispensabile che quegli operatori entrati “in contatto stretto e senza i dispositivi idonei” con utenti Covid + o con famiglie in isolamento fiduciario, siano immediatamente fermati e messi in isolamento fiduciario onde evitare che, se contagiati, essi stessi siano veicolo inconsapevole del virus".

"Il servizio di igiene e sanità pubblica dell’Asl di Novara, in merito ad alcuni casi, si è già espresso in tal senso per lo meno sull’isolamento fiduciario. È un buon passo ma non basta: la disposizione dovrebbe essere immediatamente allargata ai servizi domiciliari di tutto il territorio della provincia di Novara. Deve poi essere effettuato, ed anche con continuità, il tampone per le operatrici/operatori e utenti dei servizi domiciliari. Crediamo che il continuare a negare o a sottovalutare il problema, come ci sembra che si stia facendo, non risponda alle indicazioni sia governative che regionali per il contenimento del contagio da Covid 19" conclude il segretario generale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Verbano Cusio Ossola

Baveno, chiusa la scuola materna per covid: bambini in quarantena

Attualità

Coronavirus, in Piemonte si potrà fare visita ai pazienti ricoverati in ospedale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento