Attualità

Coronavirus, cala ancora l'incidenza: il Piemonte aspetta la zona bianca

Secondo quanto dichiarato dall'assessore regionale alla Sanità Icardi, il numero settimanale di nuovi casi positivi è di 22,9 ogni 100mila abitanti: "La promozione del Piemonte in zona bianca è scontata"

Foto di repertorio

"Da lunedì con ogni probabilità il Piemonte sarà in 'zona bianca'. I dati dell’ultimo report epidemiologico indicano che il numero dei contagi è in riduzione in tutte le province piemontesi, con un tasso di incidenza regionale di 22,9 casi ogni 100 mila abitanti. I valori sono da soglia bianca in tutte le province del Piemonte".

Così l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte Luigi Genesio Icardi commenta i dati del report epidemiologico settimanale dell’Istituto superiore di Sanità e del Ministero della Salute, in vista del pronunciamento ufficiale sul passaggio in fascia bianca atteso per oggi, venerdì 11 giugno.

"Nell’ultima settimana - continua Icardi - la percentuale di positività dei tamponi è passata da 2.3% a 1.9%. Sotto soglia, e ulteriormente ridotti, i tassi di occupazione dei letti in area medica (scesi dal 10% al 7%) e in terapia intensiva (scesi dal 13% al 9%). Sono ancora calati i focolai attivi, i nuovi focolai e il numero di persone non collegate a catene di trasmissione note. La velocità con cui si sta riducendo l’epidemia è rallentata di poco, con un Rt puntuale calcolato sulla data di inizio sintomi che passa da 0,64 a 0,71.  Dal colloquio che ho avuto con il ministro della Salute Roberto Speranza, tutto lascia intendere che la promozione del Piemonte in zona bianca sia sostanzialmente scontata, con decorrenza dalla mezzanotte di domenica, insieme alla decadenza del coprifuoco. Se oggi verrà confermato il via libera ufficiale del Comitato tecnico scientifico, sabato il ministro dovrebbe firmare l’ordinanza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, cala ancora l'incidenza: il Piemonte aspetta la zona bianca

NovaraToday è in caricamento