Sabato, 16 Ottobre 2021
Attualità

Coronavirus: Piemonte verso la zona rossa dalla prossima settimana?

Secondo l'assessore Icardi il rischio di un passaggio da zona arancione a rossa "è piuttosto concreto"

Mentre i piemontesi stanno ancora facendo i conti con le nuove misure più restrittive messe a punto dalla Regione per "rafforzare" la zona arancione, tra cui il ritorno della possibilità di accedere a negozi e supermercati per un solo componente del nucleo familiare, è già tempo di tornare a parlare di zona rossa.

Secondo l'assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi, infatti, per il Piemonte il rischio di un ritorno in zona rossa a partire da lunedì prossimo "è piuttosto concreto".

Coronavirus, in Piemonte scatta la zona arancione "rinforzata": le nuove regole

Per l'assessore Icardi, intervenuto a Radio Veronica One, "Ci avviciniamo ai 250 positivi ogni 100mila abitanti, che è la soglia che fa scattare la zona rossa. Questa contagiosità molto elevata della variante inglese sta facendo aumentare in modo molto significativo i contagi".

"Domani sera avremo tutti i dati e mercoledì mattina potremo già dare una proiezione, ma è probabile - ha aggiunto Icardi durante l'intervista radiofonica - Siamo a circa 2mila ricoverati e 200 ricoveri in terapia intensiva e proprio le misure più restrittive servono a ridurre i contagi e ad evitare di arrivare di nuovo agli oltre 5mila ricoveri che abbiamo avuto in passato. L'unica cosa da fare è stringere e adottare misure più rigorose per evitare i contagi, tenendo conto che questa è una variante molto più contagiosa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: Piemonte verso la zona rossa dalla prossima settimana?

NovaraToday è in caricamento