Coronavirus, il Comune di Novara offre di nuovo il servizio di supporto psicologico

Durante la prima ondata è stato utilizzato da oltre 200 persone

Foto di repertorio

Torna il servizio di supporto psicologico offerto dal Comune di Novara. E’ tornato a essere attivo il numero di telefono gratuito avviato con l’associazione Emdr Italia fornito da psicoterapeuti esperti in ambito emergenziale e rivolto a tutti i cittadini novaresi. 

Il servizio, che non sostituisce il 112 o gli altri numeri messi a disposizione dalle autorità di governo, ha l'obiettivo di contenere lo stress psicologico a cui sono esposti i cittadini in questa seconda ondata di emergenza sanitaria, fornendo strumenti efficaci per fronteggiare le emozioni soverchianti, e aiutando tutti coloro che ne usufruiranno ad individuare e rinforzare risorse utili per ritrovare equilibrio, sicurezza e serenità. Un servizio che era stato molto utilizzato durante la prima ondata di pandemia: oltre 200 le persone raggiunte.

Il servizio, questa volta, è indirizzato ai cittadini in generale, ma tenendo conto che anche l’Asl ha attivato un’iniziativa simile (tramite la mail sportellopsicologi@asl.novara.it) rivolta ai malati di Covid  e a medici e personale sanitario convolto nell'emergenza.  Chi fosse interessato può dunque inviare una mail al seguente indirizzo: emdrnovara@gmail.com, indicando nome e numero di telefono. Gli psicoterapeuti si occuperanno di prendere in carico le richieste e di richiamare gli utenti, nel pieno rispetto della privacy. Il servizio è coordinato da tre psicoterapeute supervisori dell’Associazione Emdr:Antonella Giordano, Elisa Polie Claudia Rampi. 

“Ora più che mai, – ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali e vicesindaco Franco Caressa-  anche e soprattutto alla luce dei risultati positivi dei mesi scorsi, riteniamo utile riproporre l’iniziativa ringraziando le psicologhe che ancora una volta si sono mostrate disponibili e collaborative”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Cirio: "Piemonte in zona arancione", ma gli ospedali sono al limite e non si fanno tamponi agli asintomatici

  • Coronavirus, l'ospedale Maggiore di Novara deve aprire un nuovo reparto di terapia intensiva

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus, a Novara tamponi rapidi a pagamento nel parcheggio dell'ex Sporting: come prenotarli

  • Coronavirus, 6 persone positive al covid decedute all'ospedale di Novara in 24 ore

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

Torna su
NovaraToday è in caricamento