Coronavirus, al via i test rapidi in Piemonte: l'annuncio di Cirio

Saranno eseguiti nei laboratori privati, nelle farmacie e negli studi dei medici di base. Lo ha dichiarato il presidente della Regione durante un'intervista al Tgr Piemonte

Foto di repertorio

Da oggi, martedì 20 ottobre, il Piemonte darà il via ai tamponi rapidi per il tracciamento del coronavirus.

Lo ha annunciato nella serata di ieri, lunedì 19 ottobre, il presidente della Regione Alberto Cirio ospite al Tgr Piemonte: "Domani - ha detto -, tra le prime regioni d'Italia, avremo i tamponi rapidi, quelli in 15 minuti, che faremo fare ai laboratori privati, ai medici di base, alle farmacie, per dare la possibilità di fare il massimo screening possibile. Se saremo capaci di fare questo nelle prossime settimane, potremmo trascorrere davvero un buon Natale".

E in merito all'emergenza sanitaria, tutt'ora in corso, Cirio ha aggiunto: "Il Piemonte non è stato ad aspettare lo Stato, ma rispetto a febbraio ad oggi il Piemonte ha attivato un meccanisco per cui noi oggi abbiamo le aziende con 40 milioni di Dpi, già stipati, già pronti per l'emergenza, 20 milioni li abbiamo comprati noi come Regione, pronti a intervenire se mancassero. Di laboratori io ne ho ereditati 2, oggi sono 28; a febbraio facevamo 120 tamponi al giorno, oggi ne facciamo 10mila, e 11mila è il numero che noi dovremmo fare secondo i parametri nazionali. Abbiamo assunto da febbraio ad oggi 2503 persone, che oggi lavorano nei Sisp, nelle Usca, sono medici, infermieri, Oss, tutto per dare un maggior supporto di personale e supplire ai tagli del passato. E infine i posti di terapia intensiva, io ne avevo 327 a febbraio, oggi in quelli di emergenza siamo pronti ad averne 614. Li abbiamo quasi raddoppiati, non aspettando quelli dello Stato che non sono ancora partiti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

Torna su
NovaraToday è in caricamento