Maltempo: crollato il ponte sul Sesia a Romagnano

Il ponte era stato riaperto al traffico all'ora di pranzo, alle 13,45 il crollo

Foto inviata da un lettore

A causa dell'ondata di maltempo che ha colpito il novarese in queste ore, il ponte sul Sesia a Romagnano è crollato.

Fortunatamente non ci sono vittime: nessun stava transitanto sul ponte al momento del crollo, avvenuto alle 13,45. Il ponte, chiuso dalla serata di ieri, venerdì 2 ottobre, era stato riaperto oggi, sabato 3 ottobre, a mezzogiorno.

Nel pomeriggio si è svolto il sopralluogo da parte del presidente della Provincia Federico Binatti, con i tecnici dell'Ente e i consiglieri Marzia Vicenzi e Ivan De Grandis, gli amministratori locali, i volontari della protezione civile e il Comando dei vigili del fuoco di Novara.

"Ci siamo immediatamente attivati - commentano Binatti, Vicenzi e De Grandis - per verificare la situazione, oltre che per manifestare la nostra vicinanza alla comunità di Romagnano. Abbiamo già preso contatti con la Regione Piemonte: l’assessore ai Lavori pubblici e Protezione civile Marco Gabusi ci ha assicurato che nelle prossime ore sarà chiesto al Governo lo stato d’emergenza per il nostro territorio. Ringraziamo i volontari della protezione civile, i vigili del fuoco, i carabinieri, la polizia di Stato e la polizia locale per il prezioso lavoro che stanno svolgendo in queste ore a tutela della popolazione".

Gli amministratori provinciali hanno visitato anche i comuni di Grignasco, Ghemme e Carpignano Sesia per verificare le criticità che anche qui si sono verificate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

Torna su
NovaraToday è in caricamento