rotate-mobile
Attualità

Meno furti e più arresti nel 2023 a Novara: i numeri della polizia

Il bilancio dell'attività che ha coinvolto la polizia di Stato sul territorio novarese


Oltre 170 arresti, 1.515 tra querele e denunce, il sequestro di 19 chili di droga, 69 "codice rosso", 32.250 persone identificate, 12.411 veicoli controllati, circa 570 furti, 163 truffe, 15.026 passaporti emessi, 12.659 permessi di soggiorno rilasciati, 1113 pratiche di protezione internazionale e 220 espulsioni. Sono questi i numeri che l'imponente meccanismo della Questura di Novara, tramite l'ufficio di prevenzione generale e soccorso pubblico, squadra mobile, divisione anticrimine, Digos, divisione polizia amministrativa e sociale e ufficio immigrazione, ha gestito nel 2023.

"È  stato un anno denso - esordisce così la Questora di Novara dottoressa Alessandra Faranda Cordella - durante la conferenza stampa per raccontare idati 2023 relativi all'attività della Questura di Novara - .Sono contenta del lavoro fatto da tutti, dal primo all'ultimo degli agenti fino ai massimi vertici, del lavoro degli uffici anche di quelli meno coinvolti ma importanti per la sicurezza della provincia".

Nel corso dell'incontro oltre alla Questora il dottor Paolo Lo Manto della divisione anticrimine, la dottoressa Fabiana Melfi della squadra mobile, il dottor Antonio Sapio, vice capo di gabinetto e dirigente della Digos, e il vicario dottor Giovanni Temporale hanno raccontato i risultati delle attività relative alle proprie competenze.

Tra i dati del 2023 comunicati questa mattina, martedì 9 gennaio, si legge un aumento degli arresti e una diminuzione dei furti nelle abitazioni, la risoluzione di un omicidio, il fermo di minorenni responsabili di rapina e del tentato omicidio di un coetaneo. Molte le misure di prevenzione emesse dalla Questora. Aumento significativo anche nel numero di emissione di passaporti e delle richieste di permessi di soggiorno e protezione internazionale.

Nello specifico, la squadra mobile, con le sue sottosezioni, si è occupata di 69 procedimenti "codice rosso" che si aggiungono a quelli contro la persona per arrivare ad un totale 560. L'attività investigativa ha permesso di individuare gli autori di 22 furti, 23 rapine, 3 furti all'interno delle scuole (15 ancora in fase di accertamento) e 3 estorioni. 72 le persone arrestate perchè autrici di reato e 99 quelle differite in stato di libertà.
E ancora 18 arresti nell'ambito del contrasto alle droghe. Due perchè in possesso di 3 chili di cocaina destinata alla piazza noverese e altre due con 16 chili di hashish.
Diminuiscono i furti, anche se tra le 1.515 denunce e querele ricevute nel 2023 è stato riscontrato che la maggiore frequenza di reati denunciati sono furti (546), truffe (163) e danneggiamenti (137). 

L'ufficio di prevenzione generale e soccorso pubblico ha identificato 32.250 (26.608 nel 2022) persone 12.411 (7250 nel 2022) veicoli, di queste 592 sono state denunciate e 84 arrestate. 

A conclusione del lavoro di istruttoria della divisione anticrimine, per quanto riguarda l'adozione di misure di prevenzione personali di competenza esclusiva sono stati emessi dalla Questora: 13 "Avvisi orali" nei confronti di soggetti particolarmente pericolosi, 44 "Provedimenti di rimpatrio con foglio di via obbligatorio e divieto di ritorno nel Comune oggetto della misura", 17 "Divieti di accesso a pubblici esercizi o locali di pubblico trattenimento", 1 "Divieto di accesso ad aree urbane", 5 "Divieti di accesso a luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive", 1 "Sorveglianza speciale", 30 richieste, queste in grande aumento, di "Ammonimento" per atti persecutori, 1 richiesta di "Ammonimento per cyberbullismo" e infine 2 richieste di "Ammonimento" per contrasto alla violenza domestica.
Sempre la divisione anticrimine ha indagato 144 persone gestendo, in collaborazione con il presidio fisso della polizia di Stato al Maggiore circa 2.500 referti inoltrati all'autorità giudiziaria.

La lettura dei dati riguardanti Digos e Ufficio immigrazione  è caratterizzata, e come tale va interpretata, anche alla luce del mutevole scenario politico internazionale.

La Digos nel corso dello scorso anno ha lavorato per la miglior gestione possibile degli eventi pubblici, interfacciandosi e a volte mediando con i partecipanti. Alcuni momenti significativi sono sicuramente alcune rilevanti agitazioni sindacali, il "Pride novarese", gli incontri del Novara F.C. e della Igor Volley.

Sono ben 15.026 i passaporti rilasciati nel 2023 dall'ufficio passaporti, oltre 5mila in più rispetto ai 10.000 del 2022.

L'attività dell'ufficio immigrazione è stata particolarmente intensa, sono stati rilasciati 12.569 permessi di soggiorno, 823 pratiche per la richiesta di cittadinanza (nel 2022 erano 500). Sono state trattate 1.113 pratiche relative alla protezione internazionale ( 394 quelle del 2022) con 830 richiedenti collocati in struttura di accoglienza, 128 pratiche di status di rifugiato, 117 di protezione sussidiaria e 298 di protezione speciale.

Sono aumentati anche i provvedimenti di espulsione, si attestano a 220 contro i 122 del 2022, 26 dei quali tramite accompagnamento al Cpr e 14 alla frontiera. 371 i rigetti o le revoche di permessi di soggiorno. Il controllo della documentazone presentata da stranieri ha permesso di differirne 70 all'autorità giudiziaria. 

Continua a leggere su NovaraToday 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meno furti e più arresti nel 2023 a Novara: i numeri della polizia

NovaraToday è in caricamento