Arona, scatta ancora il divieto di balneazione al Lido: troppi batteri intestinali nelle acque

Secondo le rilevazioni non è possibile fare il bagno

Niente tuffi al Lido di Arona.

Dopo le rilevazioni di Legambiente, che avevano individuato proprio nel lido di Arona uno dei punti più inquinati della sponda piemontese del Lago Maggiore, anche i test di Arpa hanno trovato molti problemi nelle acque del lago. La zona, vicino alla foce del torrente Vevera, secondo le rilevazioni dell'Agenzia regionale di protezione ambientale, presenta livelli fuori norma di Escherichia Coli (1100 MPN/100) e di Enterococchi intestinali (610 MPN/100 ml).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I risultati delle analisi dei campioni prelevati il 13 luglio sono stati comunicati al Comune il 16 luglio: immediatamente è stata emessa l'ordinanza di divieto di balneazione in tutte le acque antistanti la zona del Lido. Non è la prima volta che accade. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • É morto Marco Tancini, il motociclista 32enne grave dopo un incidente

  • Le spiagge più belle del Lago Maggiore e del Lago di Mergozzo - Aggiornato 2020

  • Trecate, ancora lite e sangue in vicolo Bordiga

  • Morto all'ospedale Maggiore il motociclista di 29 anni ferito nell'incidente a Suno

  • Autostrada A4: si sente male in auto e muore

  • Borgomanero, apre il nuovo supermercato Aldi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento