rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

Un anno senza notizie di Djalali: a Novara cartelli appesi e sit in

In prima linea il comitato #SaveAhmad

Un anno intero senza notizie riguardo Ahmadreza Djalali, il ricercatore iraniano che dal 2012 al 2015 ha lavorato come ricercatore al Crimedim e che nel 2016 è stato arrestato in Iran.

Il Comitato #SaveAhmad ha scelto due iniziative per far sentire la propria voce: la prima è prevista per oggi, 22 novembre: nel cortile del Broletto verranno appesi cartelli con lo slogan #SAVEAHMAD e poi per mercoledì, 24 novembre alle 17.30, in centro, è previsto un sit in.

Djalali si trova nel carcere di Evin, il 24 novembre dello scorso anno il ricercatore ha chiamato la moglie per comunicare che l’avrebbero giustiziato, poi più niente. Si sa che è ancora vivo, ma nessuno ha più avuto contatti con lui, l’avvocato iraniano lo ha sentito sei mesi fa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un anno senza notizie di Djalali: a Novara cartelli appesi e sit in

NovaraToday è in caricamento