menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

Il decreto dovrebbe essere firmato il 3 dicembre. Le prime anticipazioni

"È una giornata importante: mi aspetto un Rt che è arrivato all’1, anche che molte Regioni che ora sono rosse diventino arancioni o gialle”

Queste le parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Tg5: oggi, venerdì 27 novembre, ci sarà il report dell'Iss e del ministero della Salute che potrebbe far compiere un passo importante in vista del Dpcm 3 dicembre: il Piemonte, come altre Regioni, potrebbe diventare arancione.

Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

Le regole di Natale 2020: pranzi, cene, parenti e sci

Se il Piemonte, come è probabile, diventerà zona arancione, saranno consentiti gli spostamenti solo all'interno del proprio comune, con coprifuoco alle 22. E per i cenoni di Natale e Capodanno? La questione è delicata, perchè entro il 25 dicembre saranno rivalutati i parametri: non è impossibile che ci sia un ulteriore passaggio di zona anche per il Piemonte, sempre che continuino a calare contagi e ricoveri.

In ogni caso il Governo sta studiando una serie di nuove regole ad hoc per le feste: tra le ipotesi più probabili ci saranno il mantenimento in tutta Italia del coprifuoco, che potrebbe essere anticipato alle 21, e il numero massimo raccomandato di persone a tavola, tra le 6 e le 8 probabilmente, regola valida ovviamente anche per i pranzi del 25 e 26 dicembre. Non sono ancora state prese decisioni sulla Messa di Natale, che in caso di coprifuoco potrebbe essere a rischio.

Dalle indiscrezioni pare che, anche nelle zone gialle, non sarà possibile uscire dalla propria regione, mentre dovrebbe essere possibile il ricongiungimento familiare tra parenti stretti, cioè genitori e figli, coniugi e partner conviventi. Sembra sia allo studio anche una speciale deroga per i "nonni", gli anziani soli, che potrebbero raggiungere la famiglia. 

Per quanto riguarda invece le secondo case, tutto dipenderà dalla zona di colore in cui si troverà il Piemonte: nelle zone arancioni non sarà consentito raggiungerle se non per manutenzione urgente. Più delicata la questione delle piste da sci: sembra però che il Governo voglia mantenere la linea della chiusura totale per evitare gli assembramenti, nonostante gli appelli delle comunità montane e dei gestori degli impianti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, fino a quando il Piemonte sarà in zona arancione?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento