rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Attualità Cavalcavia XXV aprile

Frana del cavalcavia XXV Aprile, altri due indagati per crollo colposo

Salgono a 8 gli indagati per il crollo avvenuto lo scorso ottobre

Ci sono altre due persone indagate per il crollo del cavalcavia XXV Aprile.

Altre due persone, responsabili di una ditta che aveva effettuato manutenzioni sul cavalcavia, sono state iscritte nel registro degli indagati, portando così il numero degli indagati a otto, con due imprenditori e quattro ex dirigenti comunali che negli anni si sono occupati dei lavori. Venerdì scorso si è anche aperto l'incidente probatorio: se, secondo le analisi e le verifiche dei periti nominati dallo Procura, ci sono state delle responsabilità, allora è possibile che gli indagati finiscano in tribunale. 

Il cavalcavia XXV Aprile infatti negli anni ha subito numerosi interventi: è stato costruito tra il 1970 e il 1974, ma già nel 1990 erano stati fatti lavori di consolidamento della rampa crollata, perché c'era stato un problema alle spallette. Nel 2002 ci sono state invece le opere di manutenzione sul cavalcavia vero e proprio, mentre nel 2014 è stato segnalato che sulla rampa dall'altra parte, verso il Curtatone, c'era stato uno smottamento della strada e quindi era stato messo in atto un programma di rinforzo, con chiusura parziale del cavalcavia. 

Per quanto riguarda la riapertura i tempi sono molto incerti: fino a che il cavalcavia sarà posto sotto sequestro non potranno iniziare i lavori di sistemazione, che prevedono anche la realizzazione di un marciapiede sul lato sinistro della struttura, andando verso la città, e di una pista ciclabile sul lato destro. Ci sarà anche un restringimento della carreggiata, con abbassamento del limite di velocità e l'installazione di autovelox fissi. La durata prevista dei lavori è di circa 4 mesi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana del cavalcavia XXV Aprile, altri due indagati per crollo colposo

NovaraToday è in caricamento