rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità

Novara si mobilita per l'accoglienza: 98 famiglie novaresi ospiteranno rifugiati ucraini

Saranno distribuiti buoni spesa e sarà attivato un corso di italiano per i bambini grazie a ForLife onlus e English 4 Every

98 famiglie novaresi ospiteranno rifugiati ucraini, ma non solo: tutta Novara si mobilita per l'accoglienza.

“Abbiamo attivato una procedura di prima accoglienza immediata all’hub dell’hotel Parmigiano – spiega il Sindaco di Novara Alessandro Canelli – Un ringraziamento particolare va alla famiglia Torresan che ci ha fornito un polmone importante per intervenire con celerità a fronte degli arrivi dei profughi. Al Parmigiano, sono stati attivati i primi interventi di assistenza sanitaria e operativa anche con l’aiuto dei nostri vigili che si occupano della trasmissione dei dati in questura in attesa del permesso. Una seconda fase è quella dell’accoglienza da parte dei cittadini. Sono 98 ad oggi le famiglie novaresi che hanno già dato disponibilità di un alloggio proprio dove verranno ricollocate le varie famiglie ucraine. Il ringraziamento va a tutte le associazioni e fondazioni che si stanno prodigando per affrontare questa emergenza  e che ci stanno dando una grande mano in questo difficile momento. Ora è arrivato il momento di mettere in campo interventi diversi”.

L'associazione ForLife onlus fornirà aiuti per le famiglie: verranno distribuiti buoni spesa da elargire alle famiglie ospitate nelle abitazioni. ForLife stanzia 10 mila euro iniziali per acquisto voucher che verranno destinati alle famiglie bisognose sulla base di criteri che verranno stabiliti dagli uffici comunali. Verrà poi attivato un corso di lingua italiana per i bambini ucraini di età compresa tra 7 e 15 anni che si terrà, in collaborazione con English 4 Every di Novara. Il corso-doposcuola prevede 30 ore di lezione in piccoli gruppi (massimo 10 alunni). Le lezioni si terranno all’Hotel Parmigiano attraverso personale qualificato di madrelingua ucraina. Le lezioni si svolgeranno il lunedì e il mercoledì dalle 16.30 alle 17.30.

“ForLife onlus – aggiunge il presidente Alessandro Carriero – come in altre emergenze e a maggior ragione in quest’ultima, è presente con con spedizioni dirette, forniture, buoni spesa ecc sul territorio novarese e non solo. Abbiamo chiesto al Comune di poter collaborare con progetti più specifici per poter cooperare in modo uniforme ed intervenire laddove possa servire”. “L’appello – conclude Carriero – è rivolto alle famiglie affinché facciano partecipare i bambini ai corsi di lingua con l’auspicio che, quando torneranno a casa, potranno portarsi con sé un ulteriore bagaglio culturale. Un’operazione non sostitutiva ma di supporto all’integrazione e all’inserimento scolastico”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara si mobilita per l'accoglienza: 98 famiglie novaresi ospiteranno rifugiati ucraini

NovaraToday è in caricamento