Clinica Maugeri di Veruno, aumento di casi di covid tra i ricoverati: verifiche dell'Asl

Il contagio sarebbe avvenuto all'interno della struttura

La clinica Maugeri a Veruno

Contagi tra le corsie della clinica Maugeri dei Veruno.

La notizia si è diffusa il 10 ottobre, quando il sindaco di Gattico-Veruno, Federico Casaccio, ha pubblicato un comunicato in cui spiegava la situazione perchè "Le voci che si stanno rincorrendo sulla struttura sanitaria sono molteplici, disparate ed in qualche modo poco corrette", dato che da parecchi giorni si parlava di un possibile focolaio alla clinica Maugeri. Da quello che si è riuscito ad apprendere non è chiaro quanti siano stati i casi di contagi di covid avvenuti all'interno della struttura, che fin dall'inizio dell'emergenza coronavirus ha ospitato un reparto dedicato, inizialmente con 36 posti letto, ora arrivati a 98.

Nelle ultime settimane, nonostante i protocolli di sicurezza, si è rilevato un aumento di pazienti e operatori sanitari positivi al tampone, cosa che ha fatto scattare il campanello d'allarme: si tratterebbe di 10 operatori positivi e di diversi contagi tra pazienti non ricoverati nel reparto covid, ma trasferiti per la riabilitazione dal Maggiore di Novara dopo essere già risultati negativi al tampone. L'Asl ha quindi avviato una serie di verifiche. "A seguito del rilievo di un aumento di esiti positivi ai tamponi rinofaringei eseguiti sugli operatori ed ospiti nelle scorse settimane, l’Asl Novara tramite la Commissione di Vigilanza sulle Strutture sanitarie e il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica ha avviato immediatamente verifiche ed azioni supplementari sulla struttura, d’intesa con il sindaco di Gattico-Veruno" scrive l'Asl in una nota, senza però specificare il numero dei contagi avvenuti nella struttura nè quando sia stato scoperto il problema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al fine di salvaguardare l’incolumità degli assistiti e degli operatori, sulla base delle prime valutazioni formulate dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica - prosegue la nota -, a titolo precauzionale si è reso necessario il blocco temporaneo di nuovi ricoveri". Attualmente sono riprese le dimissioni dei pazienti, ma sono sospese le attività ambulatoriali non urgenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, non scendono le sbarre del passaggio a livello: travolto un uomo in scooter

  • Si ribalta con l'auto in un fosso: è Veronica Cuccaro la 33enne che ha perso la vita a Mortara

  • Novara, rissa sull'Allea, giovane si scaglia contro un carabiniere: arrestato

  • Coronavirus, anche in Piemonte centri commerciali chiusi nel fine settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: il Piemonte segue la Lombardia

  • Coronavirus, in Piemonte nuove linee guida per la gestione dei casi positivi nelle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento