rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Attualità

Lenti telescopiche contro la maculapatia: intervento innovativo all'ospedale Maggiore di Novara

L'azienda ospedaliero-universitaria tra i primi centri in Italia ad effettuare questo tipo di intervento

L'azienda ospedaliero-universitaria di Novara è tra i primi centri in Italia ad effettuare l’impianto di dispositivi Sing Imt Tm, un impianto telescopico galileiano progettato per migliorare la vista e la qualità
visiva di pazienti affetti da degenerazione maculare senile avanzata (Amd): gli interventi sono stati
eseguiti nei giorni scorsi dal prof. Stefano De Cillà (direttore della Struttura di oculistica dell’Aou) e
dalla sua equipe.

"L’impianto di questi telescopi miniaturizzati - spiega il prof. De Cillà - avviene dopo un intervento di rimozione del cristallino del paziente con una gestione chirurgica leggermente più complessa. L’operazione si effettua in anestesia locale attraverso l’instillazione di gocce oculari e una infiltrazione
peribulbare. I pazienti sottoposti all’intervento seguiranno poi un percorso riabilitativo con specialisti
dell'ipovisione ed ortottisti esperti in riabilitazione visiva per imparare a sfruttare al meglio la loro nuova
visione ingrandita".

Le immagini sono infatti ingrandite 2.7x e proiettate su aree sane e non danneggiate della macula, riducendo l'impatto del "punto cieco" centrale causato dall’Amd e permettendo ai pazienti di vedere immagini che prima erano irriconoscibili. L’obiettivo di questo percorso è restituire ai pazienti la possibilità di svolgere attività come leggere, scrivere, guardare la televisione, riconoscere il volto dei propri cari e prendersi cura di se stessi. La Sing Imt è indicata per l’impianto monoculare in pazienti di età superiore a 55 anni con Amd avanzata e un’acuità visiva severamente compromessa che non abbiano ancora effettuato l’intervento di cataratta.

La degenerazione maculare legata all’età (Amd o Dmle) è una malattia legata all’invecchiamento che
colpisce la macula, la porzione più centrale della retina e sede della visione distinta. Attualmente è
considerata la prima causa di cecità centrale nei Paesi sviluppati e la terza in assoluto. L’incidenza dell’Amd è rara prima dei 55 anni, aumenta in maniera esponenziale dopo i 75 anni. Si distingue in una forma umida (o essudativa) e una secca (o atrofica). I sintomi caratteristici della malattia sono rappresentati da una riduzione della visione centrale, uno sfuocamento delle parole nella lettura, un'area scura al centro del campo visivo (scotoma) e una distorsione delle linee dritte (metamorfopsie). La distorsione delle immagini è un sintomo frequente all'insorgere della degenerazione maculare essudativa e deve indurre ad una visita oculistica urgente.

"Ancora una volta - afferma il direttore generale dell’Aou, il dott. Gianfranco Zulian - la nostra azienda ospedaliero-universitaria conferma le proprie eccellenze".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lenti telescopiche contro la maculapatia: intervento innovativo all'ospedale Maggiore di Novara

NovaraToday è in caricamento