menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

A Novara primo intervento in Piemonte di riparazione della valvola mitrale senza apertura del torace

L'operazione con la nuova tecnica all'ospedale Maggiore di Novara

Primo intervento in Piemonte di riparazione della valvola mitrale senza apertura del torace.

É stato affettuato all'ospedale Maggiore i Novara il primo intervento di riparazione della valvola mitrale con una tecnica percutanea chiamata "Pascal", senza apertura del torace e senza circolazione extracorporea. "Oggi è possibile riparare la valvola mitrale anche in pazienti che hanno un rischio troppo alto per l’intervento cardiochirurgico tradizionale - precisa il prof. Giuseppe Patti, direttore del dipartimento toraco-cardio-vascolare - I pazienti più fragili sono i candidati più indicati per questa procedura e possono essere dimessi dopo pochi giorni dall'intervento, con un beneficio immediato per la loro sintomatologia".

"L'intervento prevede l'impianto di una piccola graffetta all’interno del cuore in grado di ripristinare il funzionamento della valvola mitrale  - sintetizza - La novità e la caratteristica peculiare di questa tecnica risiedono nel fatto che il cardiologo opera separatamente sulle diverse strutture che compongono la valvola, per impedire il rigurgito di sangue dal cuore verso i polmoni". La riuscita dell’intervento è stato il risultato di un importante lavoro multidisciplinare e di equipe, che ha coinvolto il prof. Patti ed il dott. Marco Mennuni come operatori della procedura, la dott.ssa Anna Degiovanni per l’assistenza ecocardiografica, oltre al personale anestesiologico, infermieristico e tecnico.

"Il grande vantaggio di tale metodica – conclude il prof. Patti - risiede nella possibilità di riparare la valvola mitrale senza eseguire un’operazione cardiochirurgica a ‘cuore aperto’. Quest’intervento si pone all'interno del programma di implementazione tecnologica continua dell’Aou di Novara, che si conferma struttura “hub” di riferimento del quadrante nord-orientale del Piemonte e centro di eccellenza per la cura delle patologie cardiache secondo le più moderne tecnologie, coniugando un risultato ottimale in termini di efficacia della procedura con la massima sicurezza per il paziente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, il Piemonte resta in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Economia

    Dopo Borgomanero, McDonald's arriva anche a Oleggio

  • Attualità

    Coronavirus, come procedono i vaccini in Piemonte?

Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento