"L'Italia che resiste", in 300 davanti al municipio di Novara

La manifestazione contro il Decreto Sicurezza ha coinvolto comuni cittadini e associazioni

Foto Andrea Marangon

Anche Novara ha partecipato alla manifestazione nazionale “L’Italia che resiste”, organizzata in numerose piazze di tutto il Paese.

La manifestazione, la cui idea è nata a Torino, è una protesta pacifica contro le nuove norme introdotte dal Decreto Sicurezza. A Novara, davanti al municipio, hanno sfilato circa 300 persone, tra cui comuni cittadini, politici e associazioni come la Comunità di Sant’Egidio e Emergency, oltre al Comitato Antifascista Novarese.

“Il Comitato Antifascista Novarese – scrive in una nota - è presente all’iniziativa “L’Italia che resiste” per affermare con forza l’avversione alle politiche e alla propaganda xenofobe e disumane. Altresì sottolineiamo la continuità, quando non la identità, di tali scelte politiche tra i governi precedenti e l’attuale e il coinvolgimento diretto dei partiti politici che quei governi sostenevano. Perché la cultura e la politica della accoglienza e contro la repressione non possono e non devono essere oggetto di propaganda elettorale. Affermazione e contrarietà vanno espresse quando si è maggioranza, non solo quando si è all’opposizione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

Torna su
NovaraToday è in caricamento