"La ragazza gazzella": un romanzo che è anche un viaggio verso se stessi

La torre dei venti pubblica il romanzo d’esordio del novarese Roberto Gessi "La ragazza gazzella", pubblicato nella collana Borea: il vento che arriva dal Nord capace di portarti via

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Cosa spinge una ragazza, nell’estate che precede l’ultimo anno di liceo, a tagliare i ponti con il suo gruppo, il suo ragazzo e le amiche più care? Tabita è carina, simpatica e intelligente. Non è insoddisfatta: il suo tracciato è lineare, se non per qualche curva a gomito dovuta ai soliti esperimenti che si fanno per provare a sentirsi un po’ più adulti e un po’ meno bambini. Allora perché, di colpo, abbandonare il branco e voler sfrecciare via? Tabita vuole qualcosa per se stessa, vuole mettersi al primo posto. Per farlo, è disposta a tutto: ad affrontare l’ultimo anno di scuola e la maturità senza nessuno che faccia il tifo per lei; a passare i fine settimana chiusa in casa; a rinunciare alle vacanze. E così Tabita si ritrova sola, presto il vuoto si impossesserà delle sue giornate e la strada da seguire sembrerà perduta.

"La ragazza gazzella" è un viaggio nella vita di una ragazza di oggi. È la storia di tutti coloro che partono alla ricerca di se stessi e che non vogliono mai accontentarsi.

Roberto Gessi è nato a Novara nel 1992. È cresciuto e vive a Recetto, un piccolo paese del basso novarese, circondato dalle campagne e dalle risaie rese celebri dai libri di Sebastiano Vassalli. Laureato in Scienze della comunicazione, lavora in un’agenzia pubblicitaria come social media manager e copywriter.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento