rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Attualità

Coronavirus: visite ed esami sospesi per coinvolgere i medici ospedalieri nella campagna vaccinale

La denuncia dell'associazione dei medici e dei dirigenti sanitari del Piemonte, che inviato una lettera aperta al presidente della Regione Alberto Cirio

Vvisite ed esami sospesi per coinvolgere i medici ospedalieri nella campagna vaccinale. E' la denuncia dell'Anaao Assomed Piemonte, l'associazione sindacale dei medici e dei dirigenti sanitari piemontesi, che ha inviato una lettera aperta al presidente della Regione Alberto Cirio in cui si chiede di "intervenire al più presto per ripristinare il giusto utilizzo delle migliori competenze mediche".

"Leggiamo che il Piemonte sta procedendo in maniera veloce con la somministrazione della terza dose, con una percentuale di 3 punti sopra la media nazionale - scrive la dott.ssa Chiara Rivetti, segretaria regionale Anaao Assomed Piemonte -. Bene. E’ certamente importante che la campagna vaccinale prosegua spedita, per proteggere la popolazione dal covid. E’ necessario tuttavia che Lei sia informato che questo non sta proteggendo gli ospedali, né i pazienti non covid. Perchè, nonostante i numeri di ricoverati alti ma non ancora allarmanti, gli esami e  le visite non urgenti sono state sospese in molti presidi, per coinvolgere i medici ospedalieri nella campagna vaccinale".

"Mentre da un lato si delibera di coinvolgere i neolaureati nei pronto soccorso - si legge ancora nella lettera - dall’altro si mandano senza remunerazione e in orario di servizio medici specialisti con anni di esperienza, distogliendoli da attività complesse, negli hub vaccinali. Dunque di nuovo, ad un anno dall’avvio della campagna vaccinale, che si prospetta dover proseguire per chissà quanto, il territorio non si fa carico delle vaccinazioni, che vengono affidate ai medici ospedalieri. Questo significa, semplicemente, un aumento di mortalità negli anni a venire, per ritardi diagnostici di tutte le malattie non covid, chirurgiche, cardiache, neoplastiche ecc. Significa un aumento ulteriore delle già infinite liste d’attesa, con grave violazione del diritto alla salute. Significa dimostrare chiaramente una grave inefficienza organizzativa, che va a discapito dei piemontesi".

"Le chiediamo quindi di intervenire al più presto - conclude la lettera - per ripristinare il giusto utilizzo delle migliori competenze mediche: non possiamo mandare neurologi, oculisti, cardiologi etc a vaccinare invece che occuparsi dei loro pazienti. Le chiediamo di intervenire al più presto perché i pazienti possano continuare ad essere seguiti dai loro centri di riferimento, possano eseguire in tempo gli esami, possano tornate ad avere una sanità pubblica di qualità. Essere la Regione che vaccina di più conta, ma non molto, se poi saremo la peggiore per le liste d’attesa o mortalità non covid".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: visite ed esami sospesi per coinvolgere i medici ospedalieri nella campagna vaccinale

NovaraToday è in caricamento