Tregua dal maltempo su novarese e Vco, ora si contano i danni

Secondo le previsioni, un nuovo peggioramento del tempo è atteso dal pomeriggio, ma i livelli dei fiumi sono in calo e il Lago Maggiore sembra non crescere più

Il Lago Maggiore a Feriolo nel pomeriggio di sabato 3 ottobre - Foto di Federica Gianelli

Dopo l'evento alluvionale che ha colpito il novarese e il Vco nelle ultime ore, arriva una tregua dal maltempo. Anche se secondo le previsioni potrebbe durare poco: nel corso del pomeriggio, infatti, sul Piemonte è atteso un nuovo peggiormanento del tempo, con piogge e rovesci in estensione a tutti i settori entro sera.

Maltempo in Piemonte: chiesto dalla Regione lo stato di emergenza

Al momento, i livelli dei fiumi e in generale dei corsi d'acqua sono in calo, e anche il Lago Maggiore, salito di 2 metri tra il 2 e il 3 ottobre, sembra aver arrestato la sua crescita. Sul territorio l'attenzione resta comunque alta: visti i terreni saturi e le criticità presenti, infatti, anche piogge meno intense, come quelle previste, potrebbero riattivare fenomeni erosivi e incrementare la portata dei torrenti secondari.

Nel frattempo, tra le due province, e in particolare tra la Bassa Valsesia e tutto il Vco, si contano i danni. In entrambi i territori il maltempo ha provocato allagamenti, frane, blackout elettrici e il crollo di ponti. Le forti piogge hanno determinato la disalimentazione di migliaia di utenze elettriche: 14200 nel novarese e 14mila nel Vco. 

 

Le previsioni per le prossime ore

Alle 13 di oggi, domenica 4 ottobre, Arpa ha emesso il nuovo bollettino di allerta: nelle zone del novarese e del Vco il livello di allerta meteo è passato da aracione a giallo. Nelle prossime ore sono quindi ancora possibili locali allagamenti e isolati fenomeni di versante; residue criticità, invece, sul Lago Maggiore.

La situazione nel novarese

A Recetto si sono verificati diversi allagamenti, dovuti all'esondazione del Sesia. Allagata la "Casa sul fiume", dove i vigili del fuoco sono intervenuti per soccorrere tre persone. Allagamenti anche a Vinzaglio, dove sono state evacuate circa 30 persone.

A Cavaglio è ancora chiuso il tratto urbano della strada provinciale 22. 

A Pogno resta chiusa la strada provinciale 47; isolata la frazione di Monte San Giulio.

A Grignasco resta chiuso il ponte sul fiume Sesia che porta a Serravalle: "Domani verrà effettuato un nuovo sopralluogo - ha comunicato il sindaco Katia Bui su Facebook - per valutarne la riapertura. All'esito del sopralluogo daremo ulteriori aggiornamenti. Le verifiche (effettuate oggi, domenica 4 ottobre, ndr) hanno evidenziato che la superficie e i piloni in secca non presentano criticità, a causa dell'altezza dell'acqua non è stato possibile verificare compiutamente i piloni centrali, motivo che suggerisce di protrarre la chiusura". Riaperto, invece, il ponte di Carpignano.

A Romagnano Sesia, dove nel pomeriggio di ieri, sabato 3 ottobre, è crollato il ponte sul fiume Sesia, molte abitazioni sono ancora senza acqua e senza elettricità.

A Castelletto Ticino il Lago Maggiore è esondato in località Villagi.

Per quanto riguarda il traffico ferroviario, dalle 23 di sabato 3 ottobre sulla linea Torino-Milano il traffico ferroviario, sospeso tra le stazioni di Vercelli e Novara per le avverse condizioni meteo, è tornato regolare dopo l'intervento dei tecnici di Rfi che hanno liberato la linea e ripristinato la sua piena funzionalità. Durante l'interruzione della tratta sono stati cancellati 13 Regionali e 42 treni sono stati limitati nel percorso.

Circolazione ferroviaria rallentata anche sulla linea Domodossola-Novara nel pomeriggio di ieri, sabato 3 ottobre, per la presenza di rami lungo la linea.

La situazione nel Vco

A Verbania il Lago Maggiore è esondato in piazza Garibaldi, chiuso il lungolago di Pallanza e il tratto di strada dai portici del Municipio.

A Omegna nella serata di ieri, sabato 3 ottobre, è stata chiusa la strada provinciale che porta a Pella.

A Ornavasso e Migiandone i danni sono stati notevoli, "molte abitazioni e pertinenze - ha scritto su Facebook il sindaco Filippo Cigala Fulgosi invitando i cittadini a collaborare per aiutare le case colpite - sono state invase dall'acqua e dal fango". In alcune zone del comune, mancano ancora luce e gas. A causa dei danni dovuti al maltempo, il Comune ha inoltre disposto la chiusura delle scuole elementari e medie.

In Val Bognanco nel tardo pomeriggio di oggi, domenica 4 ottobre, una grossa frana ha travolto la strada provinciale.

A Premosello Chiovenda, la Provinciale 166 della Val d'Ossola è chiusa nel tratto Migiandone-Cuzzago.

A Macugnaga, fino al 6 ottobre, la strada provinciale 66, nel tratto del cantiere compreso tra le località Molini e Castiglione, sarà aperta solo nelle fasce orarie 7-8,30, 12,30-14,30 e 17-19.

A Baceno la strada comunale Goglio-Devero è stata riaperta al transito.

Viabilità ancora critica in alcuni punti lungo le strade statali del Vco. Traffico rallentato sulla Statale del Lago Maggiore, nel tratto tra Oggeggio e Cannero Riviera, al Km 25,600, a causa della caduta di alcuni massi sulla carreggiata. Sulla Statale del Sempione è stato riaperto al traffico il tratto dal km 92,300 al km 95,500 a Gravellona Toce; permane però la chiusura degli svingoli di Anzola, Mergozzo e Domodossola Sud (km 120). Per i veicoli diretti a Domodossola è possibile utilizzare lo svincolo in località Nosere. In Val Formazza riaperta la Statale 659 dal km 33,800 al km 36,400, precedentemente interessata da una frana.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, da lunedì anche in Piemonte coprifuoco dalle 23 alle 5

  • Coronavirus, Conte ha firmato il Dpcm: bar e ristoranti fino alle 18, chiuse palestre e piscine

  • Novara, due risse sabato sera: una in centro e una in viale Kennedy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento