Novara, borse della spesa per le famiglie in difficoltà

Promosso da Comune di Novara, in collaborazione con Caritas e Banco Alimentare

Promosso da Comune di Novara, in collaborazione con Caritas e Banco Alimentare, nasce il servizio di consegna di borse della spesa alle famiglie novaresi in difficoltà economica.

“Fin dall’inizio di questo periodo di emergenza sanitaria – spiega il Sindaco di Novara Alessandro Canelli – abbiamo pensato agli anziani, quale fascia della popolazione certamente più colpita dai provvedimenti conseguenti alla diffusione epidemiologica del coronavirus. A loro si rivolge il Servizio di assistenza anziani over 65 affinché possano stare a casa tranquilli, senza andare al supermercato o in farmacia. Ma c’è anche una parte di cittadini che, per motivi economici, in questo periodo non possono permettersi di fare la spesa. E purtroppo abbiamo ricevuto diverse segnalazioni in questo senso. Il servizio nasce proprio con l’intento di dare una mano alle fasce di popolazione economicamente deboli, perché non si sentano sole in questo difficile momento”.

“Insieme a Caritas e Banco Alimentare – aggiunge il vicesindaco e assessore alle Politiche Sociali Franco Caressa – verranno fornite borse della spesa alle famiglie novaresi che, a fronte dell’attuale emergenza sanitaria, versano in difficoltà economica”.

La borsa conterrà generi alimentari di prima necessità e a lunga conservazione come pasta, riso, pelati, legumi, verdure in scatola, latte, biscotti, tonno e carne in scatola, patate, farina, olio e dadi.

Per chiedere la borsa spesa è possibile rivolgersi dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 allo Sportello Sociale del Comune di Novara, attraverso i seguenti numeri telefonici:

03213703501 oppure 03213703474

L’operatrice chiederà al cittadino i dati necessari alla compilazione di una scheda personale o del nucleo familiare, verranno poi inseriti nella banca dati di Comune di Novara e organizzazioni territoriali. Le richieste, dopo i necessari controlli, verranno trasmesse a Caritas che provvederà ad organizzare, insieme ai Centro di Ascolto, la distribuzione della spesa. La consegna avverrà il giorno successivo alla richiesta o al massimo entro due giorni.

Il servizio parte oggi, mercoledì 18 marzo 2020.

Le famiglie già seguite dai centri di ascolto cittadini dovranno continuare a rivolgersi ai referenti di ciascun centro telefonicamente.

“C’è anche la possibilità di sostenere questo progetto – conclude il Sindaco Canelli – alcuni club o privati hanno già chiesto informazioni a proposito. In città, è in corso una straordinaria gara di solidarietà che in un momento così difficile sta aggregando intorno all’ospedale e a questi servizi la generosità di tanti, tantissimi novaresi che ringrazio”. Per effettuare bonifici a sostegno del progetto si può accedere al portale emergenza.caritasdiocesinovara.it , seguendo le indicazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Novara, si sente male e muore nel parcheggio del centro commerciale di Veveri

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Schianto mortale sull'A26: auto investe due cinghiali e finisce fuori strada, due morti

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Coronavirus, casi positivi all'Ipsia Bellini: scuola chiusa per due settimane

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento