Attualità

Novara Calcio escluso per ora dalla serie C, Pavanati: “Inesperti sì, ma siamo nel giusto”

La società ha presentato subito il ricorso

Leonardo Pavanati (foto Novara Calcio)

Ha preso parola direttamente lui, il patron e presidente del Novara Calcio Leonardo Pavanati in merito alla notizia di ieri, venerdì 9 luglio: la società è per ora esclusa dall’iscrizione al campionato di serie C a causa di irregolarità riscontrate nell’atto di presentazione all’iscrizione. Irregolarità che proprio Pavanati ha voluto spiegare durante una dichiarazione stampa di questa mattina, sabato 10 luglio. “E’ un momento delicato per tutti, a partire da noi che ci siamo adoperati e sacrificati per arrivare a un punto decisivo. Mi scuso per il disagio provocato alla città, ai tifosi. Un fulmine a ciel sereno. Forse abbiamo pagato di inesperienza, ma siamo sicuri di essere nel giusto” ha detto. I pagamenti per poter presentare l’iscrizione alla C infatti sono stati fatti, ciò che non va bene è il metodo di pagamento. 

“Noi abbiamo operato un contratto di compensazione in surrogazione con responsabilità a carico di imprese nostre o di altre società del gruppo dirette o indirette, - ha spiegato – il pagamento risulta effettuato all’Agenzia delle entrate”. Il metodo è molto usato in ambito erariale e industriale ma non è idoneo per l’iscrizione di un club professionistico. Ecco quindi il problema: “Abbiamo peccato di inesperienza, - ha spiegato Pavanati – capisco le titubanze degli enti, del Covisoc, ma sono fiducioso che le nostre spiegazioni potranno essere ascoltate e comprese”. A questo si aggiunge il problema di tre pagamenti oltre la data concessa dell’ultimo giorno ossia il 28 giugno, ma ciò che riporta la data errata è la ricevuta di accettazione, i pagamenti “sono stati fatti tra il 27 e il 28 giugno”. La società si è affidata al legale Cesare Di Cintio. 

“Queste notizie mi hanno allarmato e messo a disagio e ho avuto reazioni non adeguate nei primi istanti, siamo certi di essere nel giusto, - ha ribadito il patron - credo nella volontà degli enti, la giustizia sportiva farà il suo corso. Non era questo il primo biglietto da visita che volevo mostrare, me ne scuso ancora. Il Novara Calcio non rappresenta un passatempo, ma una progettualità importante. Porterò la società avanti in qualunque modo, ci tengo alle mie aziende”. E ha chiuso con un riferimento tecnico: “Non diremo ora il direttore sportivo e l’allenatore, ma il lavoro continua a essere fatto, per noi nell’ambito tecnico sportivo nulla è cambiato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara Calcio escluso per ora dalla serie C, Pavanati: “Inesperti sì, ma siamo nel giusto”

NovaraToday è in caricamento