rotate-mobile
Attualità

Pazienti oncologici, al Maggiore nuove tecnologie per migliorare le cure

Saranno installati tre nuovi acceleratori lineari, uno anche a Vercelli, struttura integrata alla Radioterapia di Novara

Nuove tecnologie per migliorare le cure dei pazienti oncologici. Novità importante nella struttura di Radioterapia oncologica dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Novara, diretta dal professor Pierfrancesco Franco. L'importante rinnovamento tecnologico, che porterà all’ installazione di tre nuovi acceleratori lineari, sarà in grado di offrire, ai pazienti oncologici, i migliori standard di cura nazionali ed internazionali.

"La nuova dotazione tecnologica è stata finanziata grazie ai fondi stanziati per il Pnrr e tramite l’impiego di fondi dell’Aou. Ora è in corso di installazione un acceleratore lineare ibrido, integrato con Risonanza magnetica, che è in grado di erogare trattamenti radioterapici adattativi ‘online’: rappresenta una delle nuove frontiere oncologiche per la cura del cancro e l’erogazione di trattamento personalizzati e di precisione" ha detto il professore.

Inoltre a breve verrà avviata l’installazione di un acceleratore Varian TrueBeam, sia nella sede ospedaliera di Novara sia nella radioterapia dell’ospedale di Vercelli, struttura integrata alla Radioterapia di Novara, gestita dalla dottoressa Laura Masini dell’Aou di Novara. La fase di installazione prevede un’interruzione temporanea dei trattamenti radioterapici nella sede di Novara, tuttavia la continuità delle cure dei pazienti verrà garantita nella sede di Radioterapia di Vercelli.

Grazie alla collaborazione con la Lilt sede di Novara e i volontari, è stato organizzato il trasporto dei pazienti tra le strutture ospedaliere, in modo da facilitare l’accesso alle cure.

Continua a leggere su NovaraToday
Seguici anche su Facebook e sul nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pazienti oncologici, al Maggiore nuove tecnologie per migliorare le cure

NovaraToday è in caricamento