Novara, nuovi requisiti per la richiesta di case popolari

Per i cittadini provenienti da Paesi esterni all’Unione Europea sarà necessario dimostrare di non possedere case

Nuovi requisiti per l’accesso all’edilizia sociale e per l’assegnazione di alloggi. La Giunta comunale ha approvato in data odierna la delibera con cui si prevede che anche i cittadini non appartenenti all’Unione Europea producano una certificazione specifica - sottoscritta da Ambasciata o Consolato - che attesti la presenza o l’assenza di proprietà immobiliari degli stessi negli Stati e Paesi di provenienza.

“Se fino a questo momento – spiega il Sindaco Alessandro Canelli – bastava un’autocertificazione a conferma dell’assenza di proprietà di case o immobili vari, dai prossimi bandi sarà necessario, per partecipare all’assegnazione di alloggi, produrre documenti ufficiali provenienti dalle proprie ambasciate o consolati. Il provvedimento riguarda i cittadini provenienti da Paesi esterni all’Unione Europea, sui quali fino ad oggi, non è stato possibile effettuare controlli diretti. Questo anche a tutela di tutti gli altri cittadini  che fanno richiesta di accesso alle graduatori e e per i quali è possibile effettuare controlli diretti. Del resto – prosegue il Sindaco – in altri ambiti tale procedura è avviata da anni: ad esempio, se un giovane che non vive in Europa vuole chiedere agevolazioni per l’Università o partecipare a concorsi pubblici deve fornire attestazioni ufficiali dalle autorità o enti preposti”.

“Abbiamo avviato un percorso che garantisce maggiore equità tra coloro che hanno necessità di ottenere un alloggio di edilizia sociale e popolare – aggiungono il Sindaco e l’assessore alla Casa e vicesindaco, Franco Caressa – in attesa dei nuovi bandi e dell’adeguamento normativo che arriverà dalla Regione Piemonte”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il provvedimento – conclude Caressa - verrà applicato nel momento in cui verranno emessi i prossimi bandi per l’assegnazione di case ed alloggi. Novara, come hanno già fatto altri Comuni e altre Regioni, va nella direzione di stabilire le stesse regole e di garantire le stesse opportunità a tutti i partecipanti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Coronavirus, primi due casi positivi nelle scuole di Novara

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Novara, ragazzino cade dal muro dell'Allea e precipita per 7 metri

  • Esce da scuola e scompare: 11enne di Trecate ritrovata a Magenta

  • Casalbeltrame: sabato i funerali di Carlo e Veronica, i due fratelli morti in un incidente in moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento