rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Attualità

Coronavirus, nuove regole per gli accessi diretti agli hub vaccinali

Potranno presentarsi per vaccinarsi senza appuntamento solo i cittadini over 80 che devono ricevere la prima dose, chi ha il Green pass in scadenza e coloro che rientrano nelle professioni con obbligo vaccinale

Cambiano le regole per gli accessi diretti ai centri vaccinali in Piemonte.

Secondo quanto deciso dalla Regione, infatti, a partire da oggi, martedì 11 gennaio, potranno presentarsi per vaccinarsi senza appuntamento solo i cittadini over 80 che devono ricevere la prima dose, chi ha il Green pass in scadenza e coloro che rientrano nelle professioni con obbligo vaccinale.

In particolare, i cittadini over 50 che non hanno ancora aderito alla campagna vaccinale, e per i quali il governo ha previsto a partire dall’8 gennaio l’obbligatorietà del vaccino anti covid, da oggi potranno preaderire sul portale www.ilpiemontetivaccina.it: riceveranno nell’arco di 48 ore l’sms con la data di convocazione per ricevere il vaccino entro il 31 gennaio, in tempo utile sia per non incorrere nelle sanzioni che partiranno dal 1° febbraio, sia per la validazione del Super Green pass previsto per gli over 50 sul luogo di lavoro a partire dal 15 febbraio.

Dalla giornata di oggi, inoltre, potranno continuare ad accedere alla prima dose preaderendo sul portale www.ilpiemontetivaccina.it anche i cittadini con meno di 50 anni (12-49 anni e i 5-11 anni).

Non sarà invece necessaria la preadesione per i cittadini over 80 che devono ricevere la prima dose, e che , potranno recarsi ad accesso diretto in qualsiasi hub delle Asl del Piemonte.

Resta valido anche l'accesso diretto in alcuni degli hub delle Asl piemontesi (qui l’elenco) per coloro che rientrano nelle professioni con obbligo vaccinale (personale sanitario, personale scolastico e universitario e forze dell’ordine), e che devono ricevere qualsiasi dose.

Infine, l’accesso diretto proseguirà anche per chi ha il Green pass in scadenza nelle 72 ore successive: in questo specifico caso, come per gli over 80, l’accesso diretto è possibile non solo negli hub dell’elenco previsto per le categorie professionali, ma in tutti gli hub delle Asl.

Le nuove regole in vigore a Novara e in provincia

Secondo quanto comunicato dall'Asl di Novara con una nota stampa, a Novara e provincia l'accesso diretto ai centri vaccinali è riservato:

  • ai cittadini over 80 che devono eseguire la prima dose di vaccino;
  • agli operatori sanitari ed equiparati per la terza dose di vaccino;
  • al personale scolastico docente e non docente e personale universitario per la terza dose di vaccino;
  • al personale delle forze dell'ordine, del comparto difesa, sicurezza e soccorso pubblico per la terza dose di vaccino;
  • a coloro a cui scade il Green pass nelle 72 ore successive o a chi è già scaduto.

Il punto sulla campagna vaccinale regionale

Intanto, prosegue la campagna di vaccinazione anti covid: sono 42.900 i piemontesi che hanno ricevuto il vaccino nella giornata di ieri, lunedì 10 gennaio. A 3.513 è stata somministrata la prima dose, a 3.822 la seconda, mentre a 35.565 la terza.

Dall’inizio della campagna vaccinale nella nostra regione sono state somministrate 8 milioni e 313.973 dosi, di cui 3 milioin e 138.492 come seconde e 1 milione e 695.771 come terze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nuove regole per gli accessi diretti agli hub vaccinali

NovaraToday è in caricamento