Nuovo parco ex Ferrovie Nord, Canelli: “Una spina verde che collega un’area strategica”

L'inaugurazione è avvenuta nella giornata di venerdì 12 giugno

La vista del parco da uno degli appartamenti

Tagliato il nastro del parco ex Ferrovie Nord. Il sindaco Alessandro Canelli, insieme al presidente Ferrovie nord Paolo Nozza, hanno inaugurato ufficialmente l’area verde e palazzina nel pomeriggio di oggi, venerdì 12 giugno. “Una spina verde che collega un’area strategica della città, - ha detto il primo cittadino – un’operazione importante che racchiude finalità sociali e ambientali. La nuova palazzina, che accoglierà 11 famiglie, ci consentirà di poter ristrutturare gli altri immobili dove ora risiedono e continuare così la riqualificazione”.

Il progetto, che ha percorso una lunga strada dal 2014, è costituito da una palazzina di edilizia sociale composto da 11 appartamenti di diverse dimensioni (45 mq, 65 mq e 95 mq), un locale destinato alla coesione sociale e affidato alla Comunità di Sant’Egidio,unparco con percorsi pedonali e ciclabili (19 mila metri quadrati di area adibita a verde ), via Gilardengo con nuovo collegamento stradale con via Boschi e via San Rocco; un percorso ciclopedonale nel parco con nuovo impianto di illuminazione lungo 790 metri (da via Biroli a via Beltrami) seguendo l’andamento dei vecchi binari;  e poi 211 esemplari arborei, di cui leccio e 11 diverse specie di arbusti. Si è seguito un progetto particolare: tutte le unità abitative si affacciano sull’ampio giardino e sono state realizzate con impianti tecnologici che permettono il recupero delle energie rinnovabili.

“Siamo di fronte a un intervento che io chiamerei di resilienza urbanistica, non abbiamo tolto spazio, ma abbiamo recuperato qualcosa di esistente e gli abbiamo dato nuova linfa, tenendo conto dell’aspetto ambientale ed ecologico”.WhatsApp Image 2020-06-12 at 16.54.24-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia

Il percorso di recupero dell’area, liberata grazie all’attivazione della nuova stazione di Ferrovie Nord di Novara interconnessa con l’alta velocità, è stato avviato formalmente il 13 maggio 2014 con la sottoscrizione dell’accordo tra il Comune di Novara e Ferrovie Nord per l’attuazione del Piano Particolareggiato Esecutivo (PPE). Tra le altre tappe, la realizzazione delle attività di bonifica nel mese di settembre del 2016 e l’atto di compravendita delle aree tra Ferrovie Nord e Comune di Novara del 27 febbraio 2017. I lavori, iniziati il 5 settembre 2018, sono stati realizzati dalla Neocos srl di Borgomanero che si è aggiudicata la gara per un importo complessivo di 2.099.647 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, Conte ha firmato il Dpcm: bar e ristoranti fino alle 18, chiuse palestre e piscine

  • Novara, due risse sabato sera: una in centro e una in viale Kennedy

  • Filamenti bianchi sulla città: che cos'è la strana sostanza che cade dal cielo su Novara

  • "Da cinque giorni aspettiamo il risultato del secondo tampone", la storia di una famiglia novarese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento