Novara, due opere in prestito alla Galleria Giannoni

Due quadri di Carlo Fornara e Giovanni Battista Ciolina

Arriveranno oggi in Galleria Giannoni, a Novara, due opere progetto di scambio e di prestito con la Collezione Poscio di Domodossola. Rimarranno esposte, nelle sale 6 e 7 dedicate ai pittori vigezzini, dal 10 gennaio al 15 marzo 2020.

Le due opere sono: Carlo Fornara, Sole d'ottobre, 1924, olio su tela 49 x 70 cm e Giovanni Battista Ciolina, Veduta delle Alpi Lepontine, olio su tela, 43,5 x 60 cm.

Il prestito è stato condiviso dal Comune con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Novara che ha visto in esso una significativa occasione di confronto tra i due dipinti di pregevole qualità della collezione privata Poscio e le opere dei medesimi autori conservate presso la Galleria d'Arte Moderna Paolo e Adele Giannoni di Novara, particolarmente rappresentative di parte del territorio piemontese.

La Collezione Poscio, dalla quale arrivano i due quadri in prestito temporaneo, nasce dalla passione per l'arte di Alessandro Poscio e di sua moglie Paola. Lungo un percorso di oltre mezzo secolo una "appassionata incompetenza" (suggestivo titolo del catalogo della Collezione) ha raccolto un ricco e rigoroso insieme di visioni d'arte che attraversano epoche, linguaggi e stili, con particolare attenzione alla pittura di fine a Ottocento e inizio Novecento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A partire dall'incontro con Carlo Fornara, "maestro di vita e di arte", alla scoperta dei pittori Vigezzini, dal maestro Enrico Cavalli a Peretti, Ciolina, Rastellini, poco noti alla critica e al pubblico, ma autentici e personalissimi innovatori, a Tavernier, Fattori, Delleani, Signorini, Favretto, agli scultori Messina, Kossuth, Troubetzkoy, ai disegni di David, Scipione, Milesi e Cremona. Nel tempo, prende forma il desiderio che la bellezza goduta davanti a questi quadri sia esperienza possibile a tutti con esposizioni aperte al pubblico. I quadri raccontano paesaggi e volti, emozioni intense e chiari spazi, l'incanto della luce, l'inafferrabilità di un volto…e ci incontrano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, Conte ha firmato il Dpcm: bar e ristoranti fino alle 18, chiuse palestre e piscine

  • Novara, due risse sabato sera: una in centro e una in viale Kennedy

  • Filamenti bianchi sulla città: che cos'è la strana sostanza che cade dal cielo su Novara

  • "Da cinque giorni aspettiamo il risultato del secondo tampone", la storia di una famiglia novarese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento