menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Torna l'ora legale: lancette avanti di un'ora domenica 28 marzo

Alle ore 2 di domenica 28 marzo entra nuovamente in vigore l'ora legale. Niente abolizione in Italia

Domenica 28 marzo torna l'ora legale. Nella notte tra sabato 27 e domenica 28, infatti, le lancette verranno spostate avanti di un'ora. L'orario fissato è alle 2, che diventeranno perciò le 3.

Nonostante le indiscrezioni circa la possibile abolizione dell'ora legale, a partire proprio dal 2021, l'Italia ha depositato in sede Ue una richiesta formale per mantenere invariata la situazione. Diversa è stata invece la scelta di altri Paesi europei, quali Francia, Germania, Finlandia, Lituania Svezia ed Estonia, che hanno deciso di eliminare questo sistema.

A generare una contrapposizione tra le decisioni dei vari Paesi europei è principalmente la differenza di latitudine e la vicinanza con il Polo Nord dei Paesi scandinavi e baltici, i quali non gioverebbero del risparmio energetico generato dal cambio ora nei paesi del Sud dell'Europa, in quanto, a causa proprio della vicinanza al Polo, le giornate estive sono decisamente più lunghe rispetto all'area mediterranea. 

A che cosa serve l'ora legale?

A che cosa serve l'ora legale? Bisogna andare indietro nel tempo di due secoli e mezzo per leggere i primi accenni all'argomento. L'idea di spostare le lancette avanti in primavera per sfruttare le ore di luce estive viene spesso attribuita a Benjamin Franklin per un articolo satirico pubblicato sul quotidiano francese 'Journal de Paris' nel 1784 riguardante il risparmio energetico. La maggioranza degli storici ritiene che il primo ad aver teorizzato l'ora legale sia stato il biologo George Vernon Hudson che nel 1895, alla Royal Society della Nuova Zelanda, propose di spostare le lancette dell'orologio in avanti durante l'estate per usufruire di ore di luce in più.

 Solo nel 1907 il costruttore inglese William Willet la propose come soluzione alla crisi energetica europea durante la Grande Guerra. Dal 1916 la Camera dei Comuni di Londra diede il via libera, molti Paesi fecero lo stesso a seguire. In Italia l'ora legale è in vigore dal 1966.

Cambio d'ora: fa male alla salute?

Quali sono gli effetti del cambio ora sul nostro organismo e sulla nostra salute? Il nostro organismo è progettato per seguire i ritmi naturali e ogni variazione, anche solo di un'ora, può influenzare la secrezione di ormoni e la qualità del sonno, con disturbi sulla concentrazione durante la giornata, senza dimenticare gli effetti sulla pressione arteriosa e sulla frequenza cardiaca. Ma gli effetti del cambio ora sono evidenti anche sull'umore, con disturbi soprattutto in senso depressivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Allarme truffe: "Attenzione ai falsi tecnici e ai finti agenti"

  • Attualità

    Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento