menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il pappagallo recuperato

Il pappagallo recuperato

Novara, pappagallo "scappato" da casa recuperato da Anpana e vigili del fuoco

L'animale era nascosto tra le foglie di una magnolia

Pappagallo recuperato dai vigili del fuoco e i volontari dell'associazione Anpana.

E' successo nella mattinata di ieri, mercoledì 16 settembre, a Novara, nel quartiere Villaggio Dalmazia, da cui è giunta segnalazione all'associazione di protezione animali da parte di una donna che ha notato l'animale, un esemplare di pappagallo Ara, nascosto tra le foglie di una magnolia del giardino.

"Non è la prima volta che interveniamo in casi simili - ha commentato la presidente di Anpana, Emanuela Zonca - i pappagalli sono molto intelligenti, legati al loro proprietario in modo quasi morboso e difficilmente si avvicinano a estranei. Si è consigliato quindi di preparare una ciotola con della frutta fresca, delle noci o nocciole o frutta secca per invogliarlo ad avvicinarsi al balcone in attesa dell’arrivo della nostra volontaria Sabrina, appassionata e specializzata in pappagalli di tutte le specie. Per monitorare la situazione si sono mantenuti i contatti tramite WatsApp e si è creato una rete tra volontari per raccogliere le eventuali segnalazioni di fuga/ricerca pubblicate sui
social nei giorni precedenti".

Giunta sul posto, la volontaria Sabrina ha appurato che il pappagallo, pur presentando segni di stanchezza. era comunque vigile e attento: "Il tentativo di prenderlo 'per la gola' con leccornie è vanificato - ha continuato Zonca - . Nel frattempo abbiamo però identificato il proprietario che da domenica lo stava cercando e lo si è indirizzato sul posto consigliando di portare con sé l’altro pappagallo Ara, compagna
dello sventurato per adescarlo".

Sul posto sono quindi intervenuti anche i vigili del fuoco di Novara, che hanno posizionato l'autoscala nel giardino, portando sull’albero, a 10 metri di altezza, anche l’altro pappagallo: "Entrambi si scambiano versi - ha spiegato Zonca - ma nulla di fatto. Finalmente il volo su un pino a 3 metri da terra ha dato l’idea al caposquadra dei vigili, su indicazioni della nostra volontaria, di indirizzare un getto leggero di acqua a pioggia, che ha bagnato il piumaggio rendendo più pesante il suo movimento e il breve volo. Una piattaforma adeguatamente posizionata ha poi attutito l’atterraggio. Verificato la corrispondenza dei dati sull’anello identificativo posizionato sulla zampa, con i documenti forniti dal proprietario, il fuggiasco è stato restituito alla famiglia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Piemonte si potrà fare visita ai pazienti ricoverati in ospedale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento