Attualità

Coronavirus, il Piemonte resta in zona arancione

Calano ancora indice Rt e casi segnalati, ma resta alto il tasso di occupazione dei posti letto in ospedale. Dalla giornata di sabato 17 aprile le misure previste dalla zona arancione si applicano anche alla provincia di Cuneo

Il Piemonte resta in zona arancione: confermate anche per la prossima settimana le misure di contenimento previste dall'area arancione.

Secondo i dati del pre report settimanale del Ministero della Salute e dell'Istituto superiore di sanità, che saranno validati nella giornata di oggi, venerdì 16 aprile, nella nostra regione si registra una ulteriore riduzione dei casi segnalati di circa il 33%. La percentuale di positività dei tamponi scende inoltre dal 13.8% al 10.7% e si riduce il numero dei focolai attivi, dei nuovi e il numero di persone non collegabili a catene di trasmissione note. L’Rt puntuale cala ulteriormente (da 0.9 a 0.75) e l’Rt medio passa da 0.88 a 0.76, ma resta alto il tasso di occupazione dei posti letto in ospedale: scende dal 66% al 61% per quanto riguarda i posti letto in area medica e dal 59% al 50% per quanto riguarda le terapie intensive.

A partire da domani, sabato 17 aprile, inoltre, la zona arancione sarà valida per tutto il Piemonte, compresa la provincia di Cuneo dove l’incidenza è scesa sotto i 250 casi ogni 100mila abitanti, la soglia di allerta che alla luce del nuovo decreto aveva imposto nei giorni scorsi il mantenimento per il territorio cuneese delle misure da zona rossa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il Piemonte resta in zona arancione

NovaraToday è in caricamento