Ponte di Romagnano crollato, ipotesi ponte mobile o riutilizzo del passaggio ferroviario

Si attende il confronto con il Governo

Proseguono negli ultimi giorni i contatti tra la Provinica con gli Enti e le Istituzioni del territorio sulla questione legata al ponte di Romagnano Sesia.

"Al di là dei confronti con il Comune interessato – spiega il consigliere delegato ai Lavori pubblici e Viabilità Marzia Vicenzi – la Provincia si sta rapportando sia con la Regione, sia con Anas, sia con Aipo. Sul tappeto ci sono tuttora le ipotesi di soluzione già prospettate nelle ultime settimane, come quella del ponte mobile sul Sesia per garantire i contatti del territorio con il Vercellese. La recentissima nomina del presidente Alberto Cirio a commissario del post-alluvione da parte del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli è un passaggio importante: questa scelta, per gli Amministratori locali, rappresenta infatti la certezza di una competenza e di una presenza fattiva da parte di chi conosce la nostra realtà e le conseguenze che l’alluvione ha avuto per il Novarese. Detto ciò, la necessità per il nostro territorio è che il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, proprio come avevamo chiesto durante la riunione di due settimane fa, chiarisca quali saranno, nel concreto, gli impegni da parte del Governo. Solo sciogliendo questo nodo potremo valutare definitivamente se intraprendere la strada della sistemazione del ponte ferroviario, per il quale c’è già il nulla osta all’utilizzo da parte di Fs, oppure quella della posa del ponte mobile per garantire i collegamenti e la regolare viabilità della zona. Ci aspettiamo che il ministro dia una risposta chiara durante un nuovo incontro, che dovrebbe tenersi nei prossimi giorni. Fermo restando – ricorda a conclusione il consigliere – che il primo obiettivo dell’Amministrazione provinciale era e resta la ricostruzione del ponte crollato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Coronavirus, ancora 7 decessi negli ospedali di Novara e Borgomanero

Torna su
NovaraToday è in caricamento