Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità Prato Sesia

Prato Sesia: in città il maxi progetto di Anffas Valsesia per i giovani disabili

Il progetto si chiama Fuorimenù e coinvolgerà diversi giovani del territorio

S’intitola “FuoriMenu”, il nuovo maxi progetto promosso da Anffas onlus Valsesia e vincitore di un bando emblematico di Fondazione Cariplo, che prevede la realizzazione di laboratori di ergoterapia e cucine didattiche per persone con disabilità.

Il progetto nasce da un’analisi dei bisogni del territorio che rileva come, persone giovani fra i 16 e i 30 anni, con disabilità medio lieve, una volta terminato il percorso scolastico e non avendo a disposizione risorse per l’inserimento lavorativo, abbiano grosse difficoltà a trovare forme di attività che li gratifichino e offrano loro un contesto di scambio; riducendosi, quindi, a contare unicamente sulla famiglia.

Il progetto

“FuoriMenu” prevede la realizzazione di laboratori abilitanti di ergoterapia e di cucine didattiche situate in locali “ad hoc” oggi in fase di costruzione nella Cascina degli Spazzacamini, sede di Anffas Valsesia nella frazione Cà Bianca a Prato Sesia, che possano includere giovani adulti disabili, limitando le situazioni di isolamento.

Anffas onlus Valsesia, attualmente, gestisce una Raf di tipo B e un centro diurno per disabili nella cascina all’interno del parco del Sesia. La struttura si trova in un contesto agricolo con grande disponibilità di spazi ma ancora isolata dal contesto sociale quindi l’obiettivo è quello di ristrutturare parte della Cascina per costruire il Centro Polifunzionale che sarà il contenitore, fisico e progettuale, in cui le cucine didattiche saranno inserite.  

 “FuoriMenu” nasce grazie alla collaborazione tra Anffas Valsesia, i Servizi Sociali dell’Ente Gestore Casa di Gattinara e l’Istituto Alberghiero “G. Pastore” con sedi a Varallo Sesia e Gattinara: ha ottenuto il riconoscimento e il finanziamento della Regione Piemonte, di Fondazione CRT e di Fondazione Cassa di risparmio di Vercelli.

Attualmente la rete dei partner di progetto ha incluso anche i servizi sociali dell’Unione Montana Valsesia con l’obiettivo di mettere a sistema questo primo tassello di un vero e proprio Centro Polivalente rivolto alla disabilità medio lieve che funga da punto di riferimento per i bisogni del territorio e che metta a sistema tutte le piccole esperienze finora sperimentate.  

Al fianco di quello delle Cucine Didattiche (circa 40 i partecipanti attesi), nell’ottica del centro polifunzionale, sarà avviato un laboratorio di acquisizione di competenze grafiche-espressive per la realizzazione di materiale di sensibilizzazione sul progetto e anche di un vero e proprio “magazine”. La contiguità al centro diurno di Cascina Spazzacamini lascia aperte possibilità di contaminazione e scambio che possono ravvivare un ambiente in questo momento poco interconnesso con il contesto sociale in cui è inserito, immaginando per il futuro, una serie di attività del “fare” che coinvolgano, in momenti e spazi differenti, una molteplicità di persone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prato Sesia: in città il maxi progetto di Anffas Valsesia per i giovani disabili

NovaraToday è in caricamento