rotate-mobile
Domenica, 24 Settembre 2023
Attualità

Città della salute, slitta la chiusura del bando per la realizzazione del nuovo ospedale

La scadenza per la presentazione delle domande è stata prorogara al 15 novembre. Dal Maggiore assicurano però che "la proroga non inciderà sulle tempistiche: in primavera sarà possibile aprire il cantiere"

Slitta la scadenza del bando per la realizzazione del nuovo ospedale di Novara. Dopo una prima proroga, dall'iniziale 5 agosto al 30 settembre, la scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione al bando è stata spostata al 15 novembre.

La relativa delibera è stata firmata lunedì 4 settembre dal direttore generale dell'azienda ospedaliera-universitaria Gianfranco Zulian. La proroga è stata decisa per permettere alla stazione appaltante di rispondere ai questiti posti da alcune imprese interessate a partecipare al bando per la costruzione della Città della Salute.

"Si tratta di una proroga tecnica - ha spiegato Zulian - peraltro prevista dal Codice degli appalti, che ha l'obiettivo da un lato di agevolare la maggior partecipazione possibile al bando e dall'altro di garantire la massima trasparenza e concorrenza tra le aziende interessate. La proproga, comunque, non inciderà sulla tempistica prevista: entro fine anno potrà essere scelto il progetto migliore e nella prossima primavera sarà possibile aprire il cantiere".

Sulla questione è intervenuto anche il consigliere regionale e vice presidente della Commissione Sanità Domenico Rossi, commentando la decisione dell'ulteriore proroga della scadenza del bando: "Di fronte all'ennesimo rinvio per la presentazione delle domande per la realizzazione della Città della salute e della scienza di Novara - ha dichiarato Rossi - appare evidente che Azienda ospedaliera e Regione non governano il processo ma lo stanno subendo: ogni volta che il traguardo è vicino succede qualcosa per cui si rende necessario un rinvio, annunciato sempre come l'ultimo e non rilevante sulla tempistica complessiva. Questa volta le imprese chiedono chiarimenti: non c'era tempo di fornirli entro la scadenza di fine di settembre? E se i chiarimenti non fossero sufficienti? Si rinvierà ulteriormente? Invece di rinviare nuovamente la scadenza, la Regione si attivi per fornire sostegno all'azienda ospedaliero-universitaria in termini di professionalità e personale dedicato al progetto così da velocizzare i tempi ed evitare altri slittamenti futuri. Sempre di più emerge la necessità di centralizzare e specializzare i processi relativi alla gestione dei partenariati pubblico-privati ed evitare lo spezzatino delle singole stazioni appaltanti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città della salute, slitta la chiusura del bando per la realizzazione del nuovo ospedale

NovaraToday è in caricamento