Insultò dottoressa della guardia medica su Facebook: scuse e denuncia ritirata

L’autrice del post ha fatto una donazione alla Croce Rossa

Un post di insulti nei confronti di una dottoressa del Servizio di continuità assistenziale pubblicato su Facebook aveva portato l'Ordine dei medici a presentare una denuncia per diffamazione. Ora, dopo la chiusura delle indagini, l'autrice del post si è scusata e la denuncia è stata ritirata.

"Siamo arrivati a un punto di non ritorno e crediamo che a fronte di una serie di insulti pesantissimi non si possa più far finta di nulla – aveva dichiarato il presidente dell’Ordine, il dott. Federico D’Andrea – E’ ora di finirla che chiunque possa pensare che sui social è ammesso tutto e si possa scrivere di tutto. Chi si comporta in maniera incivile e indegna deve assumersi le sue responsabilità".

La Procura della Repubblica aveva aperto un’inchiesta e ad agosto aveva provveduto ad avvisare la persona in questione della chiusura delle indagini. Un fatto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. A fronte di questa situazione, la signora in questione aveva inviato una lettera di scuse all’Ordine dei medici in cui, tra l’altro, sottolineava come “i miei toni sono stati inopportuni e offensivi e me ne scuso con tutti i medici che ogni giorno si adoperano con serietà e impegno per tutelare noi tutti”. A fronte di queste scuse e a una donazione a favore della Cri, l’Ordine ha ritirato la querela.

"Accettiamo le scuse – conferma il dott. D’Andrea – e ricordiamo che se un cittadino ha delle lamentele da fare, ritiene di essere stato vittima di un errato comportamento del medico, deve rivolgersi nelle sedi più opportune. Presso l’Ordine esiste un’apposita commissione che valuta se il comportamento di un iscritto viola o meno il Codice deontologico che rappresenta il faro per ogni medico. Per cui, invitiamo chiunque abbia delle proteste di rivolgersi all’Ordine e non a sfruttare i social per insultare chi fa il proprio mestiere. Non siamo più disposti a tollerare episodi come questo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Cirio: "Piemonte in zona arancione", ma gli ospedali sono al limite e non si fanno tamponi agli asintomatici

  • Coronavirus, l'ospedale Maggiore di Novara deve aprire un nuovo reparto di terapia intensiva

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus, a Novara tamponi rapidi a pagamento nel parcheggio dell'ex Sporting: come prenotarli

  • Coronavirus, 6 persone positive al covid decedute all'ospedale di Novara in 24 ore

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

Torna su
NovaraToday è in caricamento