rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Attualità

Scuola, tamponi e quarantene: le nuove regole in vigore dal 7 febbraio

Tutte le novità sulle regole in vigore per le scuole

Sono cambiate, di nuove, le regole per le quarantene nelle scuole. 

L'ultimo decreto legge del Governo ha infatti introdotto diverse novità, soprattutto per quanto riguarda le scuole. Ci sono differenze infatti in base al grado della scuola, al numero dei positivi in classe e, soprattutto, ci sono regole diverse per chi è vaccinato e chi no. Vediamo nel dettaglio.

Scuola dell'infanzia

Negli asili si andrà a scuola fino a quattro casi positivi in classe, compresi gli educatori e gli insegnanti, che dovranno però indossare mascherine ffp2 fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso di positività. Con cinque o più casi di positività nella stessa classe l’attività è sospesa per cinque giorni.

In caso un bambino (o un educatore) manifestasse dei sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (rapido o autosomministrato) o un test molecolare. Anche se negativo, se dopo 5 giorni si hanno ancora sintomi il test va ripetuto. Sarà quindi possibile anche effettuare un tampone "fai da te" e compilare un'autocertificazione in cui si dichiara la negatività. 

Scuola primaria

Alle elementari si andrà a scuola fino a quattro casi di positività nella stessa classe, ma con l’utilizzo di mascherine ffp2 (sia per docenti che per alunni sopra i 6 anni) fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso di positività. Con cinque o più casi di positività nella stessa classe i vaccinati e i guariti da meno di 120 giorni (o dopo il ciclo vaccinale primario), i vaccinati con dose di richiamo e gli esenti dalla vaccinazione proseguono l’attività in presenza con l’utilizzo della mascherina ffp2 fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso di positività, mostrando il green pass. Gli altri alunni non vaccinati invece staranno a casa in didattica digitale.

In caso un bambino (o un docente) manifestasse dei sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (rapido o autosomministrato) o un test molecolare. Anche se negativo, se dopo 5 giorni si hanno ancora sintomi il test va ripetuto. Sarà quindi possibile anche effettuare un tampone "fai da te" e compilare un'autocertificazione in cui si dichiara la negatività. 

Scuole medie e superiori

Alle medie e superiori invece con un positivo in classe tutti i ragazzi continuano le lezioni in presenza con l’utilizzo di mascherine ffp2. Con due o più casi invece rimangono in classe solo i vaccinati e i guariti da meno di 120 giorni (o dopo il ciclo vaccinale primario), i vaccinati con dose di richiamo e gli esenti dalla vaccinazione, sempre con mascherine ffp2, mostrando il green pass. Tutti gli altri non vaccinati invece staranno a casa in didattica digitale per 5 giorni. 

Quarantene a autosorveglianza

Con cinque o più casi di positività per asili e primarie e con due casi o più di positività alle medie e alle superiori, si applica il regime sanitario dell’autosorveglianza (anche fuori da scuola) per chi ne ha diritto, cioè ai vaccinati e guariti da meno di 120 giorni (o dopo il ciclo vaccinale primario) e vaccinati con dose di richiamo: sarà quindi possibile uscire, ma solo indossando mascherina ffp2 per 10 giorni, e non sarà necessario fare il tampone.  

Per i bambini e i ragazzi non vaccinati invece scatta la quarantena precauzionale di cinque giorni, che termina con un tampone negativo. Per i successivi cinque giorni dopo il rientro dalla quarantena gli studenti dai 6 anni in su indossano la mascherina ffp2.

Come fare il tampone gratis in Piemonte

La Regione ha inoltre comunicato che da lunedì 7 febbraio per primarie, medie e superiori sarà necessaria la ricetta medica per eseguire un tampone gratuito in farmacia, mentre per nidi e materne continuerà a essere sufficiente l’autocertificazione. 

Basterà sempre l’autocertificazione, senza necessità di ricetta, anche nel caso dei tamponi gratuiti in farmacia per l’uscita dall’isolamento dei soggetti positivi e in generale per l’uscita dalla quarantena di ambito extra scolastico. In questi casi, insieme all’autocertificazione, sarà sempre necessario mostrare in farmacia anche l’sms ricevuto dalla Regione con il numero del provvedimento contumaciale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, tamponi e quarantene: le nuove regole in vigore dal 7 febbraio

NovaraToday è in caricamento