Monte Fenera, trovati altri resti di uomo di Neanderthal

Si tratta di denti di circa 300mila anni fa

Gli scavi (foto Ansa)

Trovati altri resti di uomo di Neanderthal negli scavi della Grotta Ciota Ciara, sul Monte Fenera.

Si tratta di due denti, un molare inferiore e un canino, rinvenuti negli stessi strati dove lo scorso anno sono stati trovati un osso occipitale e un incisivo inferiore. I resti sono databili a circa 300mila anni fa e appartengono probabilmente ad un giovane Homo Neanderthalensis. L'università degli Studi di Ferrara da 12 anni svolge scavi nella grotta, che è uno dei siti fondamentali per ricostruire il popolamento preistorico del nord ovest dell'Italia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Conte ha firmato il Dpcm: bar e ristoranti fino alle 18, chiuse palestre e piscine

  • Filamenti bianchi sulla città: che cos'è la strana sostanza che cade dal cielo su Novara

  • Novara, due risse sabato sera: una in centro e una in viale Kennedy

  • Coronavirus, nuova ordinanza in Piemonte: didattica a distanza al 100% per le superiori e capienza ridotta sui mezzi pubblici

  • "Da cinque giorni aspettiamo il risultato del secondo tampone", la storia di una famiglia novarese

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte: chi può spostarsi tra le 23 e le 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento