"Rice-up Italia": tra le risaie della bassa novarese "cresce" lo Stivale italiano

Una vera e propria opera artistica realizzata tra le piante dello storico riso Razza77 dagli agricoltori della Società agricola risicultori di Razza

L'opera realizzata dai risicoltori custodi del Razza 77

Nelle risaie novaresi "cresce" lo Stivale italiano. Non si tratta di un fotomontaggio, ma di una vera e propria opera d'arte.

Per il secondo anno consecutivo, infatti, l'Area77, il territorio della bassa novarese in cui si lavora per il recupero della storica varietà di riso Razza77, si fa teatro di una spettacolare arte a cielo aperto, la tanbo art, letteralmente "arte di risaia" in giapponese. Il disegno tracciato quest'anno nelle risaie non poteva non essere influenzato da quanto accaduto in Italia e nel mondo negli ultimi mesi.

Così, gli agricoltori della "Società agricola risicultori di Razza" hanno deciso di omaggiare l'Italia con un'opera artistica tracciata direttamente in risaia: "Uno Stivale italiano - spiegano i risicoltori - per omaggiare tutti coloro che, come noi, non si sono fermati durante la quarantena, che hanno mantenuto pulsante il cuore del Paese, coloro che hanno sostenuto il nostro sistema sanitario a tutti gli ordini e gradi, coloro che necessitano del conforto per un lutto e coloro che con pazienza hanno atteso da casa il proprio momento per ripartire. Oggi, sebbene il rischio sanitario sia ancora presente, i difficili momenti della quarantena iniziano lentamente a sbiadire nei nostri ricordi, ma con questo gesto vogliamo tenere vivo lo spirito del 'andrà tutto bene' e del 'distanti ma uniti', perchè è ora che percepiamo davvero la necessità di essere uniti. Un semplce gesto che vuole farsi portatore di un abbraccio all'Italia da questo piccolo lembo di terra sospeso tra due delle regioni più colpite, Piemonte e Lombardia".

I lavori per realizzare l'opera sono iniziati nel mese di aprile, in pieno lockdown: i risicoltori hanno tracciato a mano i solchi per la semina di piante di riso verdi e nere, seguendo un perimetro di 28 metri per 24, per riprodurre la sagoma dello Stivale.

"All'inizio erano solchi che delineavano nella terra la familiare forma dell'Italia - spiegano ancora gli agricoltori custodi del riso Razza77 - ma abbiamo monitorato la crescita del disegno settimana dopo settimana, con costanti interventi di monda a mano, vedendo con emozione l'Italia crescere davanti ai nostri occhi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Area77 rappresenta il territorio della bassa novarese dove oggi le aziende e le istituzioni di 5 comuni (Tornaco, Vespolate, Borgolavezzaro, Garbagna e Terdobbiate) contribuiscono a sostenere il progetto di recupero della storica varietà di riso Razza77, che si sta lentamente affermando come alfiere del territorio e delle sue tradizioni contadine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • É morto Marco Tancini, il motociclista 32enne grave dopo un incidente

  • Trecate, ancora lite e sangue in vicolo Bordiga

  • Morto all'ospedale Maggiore il motociclista di 29 anni ferito nell'incidente a Suno

  • Autostrada A4: si sente male in auto e muore

  • Maltempo: violenti nubifragi, strade e cantine allagate nella Bassa Novarese

  • Il Lago d'Orta set di una serie tv tedesca: si cercano comparse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento