rotate-mobile
Attualità

"Basta aggressioni": proclamato lo sciopero dei lavoratori della Sun

L'agitazione è in programma venerdì 10 maggio, dalle 17,30 alle 21,30. Un primo sciopero a cui, annunciano da Ugl Autoferro, potrebbero seguirne altri

Sciopero di quattro ore dei lavoratori della Sun, l'azienda che gestisce il trasporto pubblico in città, per chiedere più sicurezza sul lavoro e protestare contro le aggressioni spesso subite dagli operatori.

L'agitazione è stata indetta dal sindacato Ugl Autoferro ed è in programma venerdì 10 maggio dalle 17,30 alle 21,30: in questa fascia oraria, quindi, non potrà essere garantito il regolare svolgimento del servizio.

"L'escalation delle aggressioni ai danni degli operatori del trasporto pubblico è intollerabile - ha spiegato il segretario provinciale di Ugl Autoferro Novara-Vco Davide Bianchi -. Nel solo mese di marzo abbiamo contato 6 episodi di cui sono stati vittime i nostri colleghi: parliamo di tentate aggressioni fisiche, tentativi di rapina ed aggressioni verbali. È nostro dovere proteggere la sicurezza ed il benessere dei lavoratori. Abbiamo chiesto all'azienda, seppur con esito negativo, l'installazione di paratie che isolino maggiormente il posto guida, poiché, visti i recenti episodi, riteniamo le attuali non sufficienti a tutelare i nostri colleghi. La sicurezza sul luogo di lavoro è un diritto imprescindibile e non negoziabile; questa vertenza rappresenta il primo passo verso il raggiungimento di tale obiettivo".

Un primo sciopero, annunciano da Ugl, a cui potrebbero seguirne altri se la situazione non migliorerà. In uno degli episodi che si sono verificati nel mese di marzo, un autista era stato aggredito alla fermata di viale Manzoni da un uomo che gli aveva spruzzato sul viso uno spray urticante. L'accaduto era stato denunciato da Ugl Autoferro.

Continua a leggere su NovaraToday
Seguici anche su Facebook e sul nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Basta aggressioni": proclamato lo sciopero dei lavoratori della Sun

NovaraToday è in caricamento