rotate-mobile
Attualità Bellinzago Novarese

A Bellinzago torna l'esercitazione di maxi emergenza del Master in medicina dei disastri

Nella simulazione in scala reale saranno coinvolte oltre 500 persone coinvolte, tra cui i 32 studenti del master

Torna anche quest'anno, a Bellinzago Novarese, l'esercitazione di maxi emergenza su vasta scala, che conclude la fase residenziale del Master europeo in medicina dei disastri, organizzato dal Crimedim dell'Università del Piemonte Orientale in collaborazione con il Regedim, centro di ricerca della Libera Università di Bruxelles.

La simulazione si terrà nel tardo pomeriggio di oggi, mercoledì 15 maggio, nell'area adiacente al campo sportivo di via Cameri, per una durata complessiva di circa quattro ore. All'esercitazione, la più grande al mondo di questo genere inserita all'interno di un percorso formativo universitario, parteciparenno i 32 studenti del master, provenienti da 25 Paesi diversi.

Saranno oltre 500 le persone coinvolte sotto la guida organizzativa del Crimedim, il centro di ricerca in medicina dei disastri dell'Università del Piemonte Orientale. L'esercitazione avverrà grazie al prezioso supporto del 3° Reparto Sanità "Milano" ed il Reggimento Gestione Aree di Transito (Rsom) dell'Esercito italiano che allestirà un ospedale da campo Role II e due posti medici avanzati, nonchè grazie al supporto del Sovrano Militare Ordine di Malta (Smom). Collaboreranno inoltre lo staff di Simnova, il centro di simulazione dell'Università del Piemonte Orientale, e quasi 200 tra studenti di medicina e di infermieristica. Saranno inoltre coinvolti numerosi comitati di Croce Rossa Italiana ed altre associazioni di volontariato del territorio, tra cui il coordinamento territoriale del volontariato di Protezione civile della Provincia di Novara, i vigili del fuoco, Novara Soccorso e Sogit.

"L'attività di simulazione di intervento sanitario in un contesto di emergenza di larga scala - spiegano dall'Università del Piemonte Orientale - è di vitale importanza per il percorso formativo degli studenti in Medicina dei disastri ma l'attività stessa consente anche ai servizi di emergenza locali di testare la capacità di risposta dei nostri sistemi in caso di disastro".

Continua a leggere su NovaraToday
Seguici anche su Facebook e sul nostro canale WhatsApp

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Bellinzago torna l'esercitazione di maxi emergenza del Master in medicina dei disastri

NovaraToday è in caricamento