Attualità

Coronavirus, "buoni spesa": oltre 2600 richieste a Novara e il Comune sospende (per ora) l'iniziativa

La decisione, commenta l'assessore Caressa, "per cercare di processare al meglio le richieste già pervenute"

Il fac simile dei buoni spesa che saranno consegnati ai novaresi

Sono già oltre 2600 a Novara le richieste per poter beneficiare dei "buoni spesa". Per questo motivo il Comune ha deciso di sospendere, almeno per il momento, l'iniziativa.

Una scelta, quella dell'amministrazione, presa, come ha spiegato l'assessore alle Politiche sociali Franco Caressa, "per cercare di processare al meglio le richiesta già pervenute".

Coronavirus, a Novara 500mila euro per i "buoni spesa": chi ne ha diritto

"La cifra stanziataci dal Governo - ha detto Caressa - sarà sufficiente a coprire i bisogni attuali, ma, in attesa di eventuali altri fondi statali, così come anticipato dal presidente del Consiglio dei Ministri, il Comune di Novara sta cercando di percorrere altre strade. Prima fra tutte, il fondo 'AiutiAmo Novara' promosso in collaborazione con la Fondazione Comunità Novarese. Anche questi fondi saranno destinati, se necessario, ai beni di prima necessità per le famiglie bisognose. Siamo consapevoli che le esigenze, specie quelle di ordine economico, stiano crescendo. Ci auguriamo che il Governo, da parte sua, sblocchi i fondi necessari non solo per ripartire l’economia, ma anche per affrontare priorità quotidiane. Noi, nel frattempo, lavoreremo parallelamente a tutela dei nostri concittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, "buoni spesa": oltre 2600 richieste a Novara e il Comune sospende (per ora) l'iniziativa

NovaraToday è in caricamento