Novara, l'idea per non fermare la cultura: spettacoli teatrali in streaming

Il Comune è pronto a intervenire con un sostegno economico e finanziario

Coccia

Spettacoli teatrali in streaming. E’ questa l’idea per salvare, laddove possibile, la cultura a Novara. Ne ha parlato ieri pomeriggio, lunedì 26 ottobre, il sindaco Alessandro Canelli, durante la commissione Cultura. “Chiederemo agli enti teatrali di continuare online e in streaming, - ha detto – naturalmente con un intervento economico finanziario dell’amministrazione per quanto riguarda il biglietto”. Il decreto del 24 ottobre non ha lasciato vie d'uscita: cinema e teatri chiusi.

Così facendo infatti l’incasso non è previsto e sarebbe un ulteriore danno per i teatri. Il meccanismo è “semplice”: le compagnie teatrali lavorano in teatro, ma con le porte chiuse, ossia senza un pubblico dal vivo, ma pronto a gustare lo spettacolo comodamente seduto a casa. Un modo per sostenere due realtà come il Coccia e il Faraggiana, che avevano già avviato la loro stagione.

“I teatri avevano già programmato la loro stagione e firmato contratti, naturalmente prima che arrivasse il nuovo decreto, - ha detto Canelli – la nostra è una volontà di essere tassativi, non vogliamo che una situazione come questa si riversi in modo drammatico anche sulla cultura. Non torniamo al Medioevo”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Cirio: "Piemonte in zona arancione", ma gli ospedali sono al limite e non si fanno tamponi agli asintomatici

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, cinque decessi tra Novara e Borgomanero: i ricoverati in provincia sono 354

Torna su
NovaraToday è in caricamento