rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Attualità

"Sport per tutti a Sant'Andrea": rigenerazione urbana e sociale attraverso la gestione condivisa di spazi comuni

Sottoscritta la convenzione tra Comune, Fondazione De Agostini e alcune associazioni sportive novaresi. Due aree pubbliche saranno completamente riqualificate per realizzare un nuovo campo da basket e spazi per allenamenti sportivi all'aperto

È stata sottoscritta nelle scorse settimane la convenzione tra il Comune di Novara, Fondazione De Agostini e le associazioni di Novara: Comunità di Sant'Egidio-Piemonte-Onlus, Asd Novara Basket, Asd
Polisportiva San Giacomo, Gymnasium Academy Ssd, Asd Top Dance & Show, finalizzata alla realizzazione del progetto "Sport per tutti a Sant’Andrea".

Il progetto

"Sport per tutti a Sant’Andrea" intende promuovere lo sport come veicolo di benessere e inclusione, rendendo fruibili, attrezzati e vitali due spazi attualmente sottoutilizzati del quartiere, e organizzando attività sportive gratuite, dimostrative e interattive rivolte agli abitanti di Sant’Andrea ma anche alla cittadinanza in generale.

I lavori di riqualificazione riguardano due aree distinte del quartiere: il campo da basket di via San Rocco e l’area di via Serazzi, che sarà oggetto di un completo rifacimento e dotata di attrezzature sportive per l’allenamento all’aperto. Gli spazi, attualmente in stato di parziale degrado, saranno messi a disposizione del progetto di rigenerazione urbana dall’amministrazione comunale, che parteciperà alla co-progettazione dei lavori in collaborazione con Fondazione De Agostini e sarà coinvolta nella programmazione delle attività e negli incontri di animazione sportiva promossi delle associazioni e dagli enti territoriali.

L’attuale campo da basket di via San Rocco sarà rimodernato e messo in sicurezza; verranno rifatti il fondo, i muretti laterali e la recinzione. Saranno sistemate le luci esterne, i canestri e le panchine circostanti per consentire agli spettatori di assistere alle partite. Saranno, altresì, rese disponibili due porte da calcetto amovibili. L’area di via Serazzi sarà invece completamente riqualificata con una nuova pavimentazione e verrà allestita con attrezzi sportivi per l’allenamento all’aperto. L’attuale panchina, che corre lungo tutto il perimetro per far sì che lo spazio possa essere goduto nel miglior modo possibile, verrà resa utilizzabile. L’area, che sarà decorata da uno street artist, potrà essere fruita per allenamenti, individuali o di gruppo, di calistenica o di parkour o semplicemente dagli amanti dello sport all’aria aperta per un training outdoor. Fondazione De Agostini si farà carico di tutte le spese e gli oneri necessari alla
ristrutturazione e all’allestimento delle due aree. A completamento dei lavori di riqualificazione, gli spazi saranno presi in carico dall’amministrazione comunale che ne garantirà la manutenzione ordinaria e straordinaria.

Il ruolo delle associazioni

Asd Novara Basket, Asd Polisportiva San Giacomo, Gymnasium Academy Ssd, Asd Top Dance & Show, in qualità di partner del progetto, si impegnano ad attuare nei nuovi spazi attività di carattere sportivo e sociale, promuovendo un’ampia sinergia tra i diversi attori e coinvolgendo i loro iscritti, le famiglie e tutti i bambini e ragazzi del quartiere. Per un periodo di cinque anni avranno la possibilità di usare a titolo gratuito, per alcuni dei propri corsi, le aree sportive per un monte ore settimanale stabilito e organizzeranno gratuitamente attività ed eventi di promozione e avvicinamento allo sport, per facilitare l’accesso alla pratica sportiva da parte di soggetti che si trovano in situazione di fragilità e di bisogno, secondo un calendario e dei programmi che saranno concordati con il Comune e le altre associazioni coinvolte nel progetto. Le attività che saranno messe in campo hanno l’obiettivo di promuovere lo sport come veicolo di benessere, di autonomia e di inclusione, per favorire il pieno sviluppo della persona e valorizzarne il potenziale di crescita. Le proposte saranno rivolte ai bambini e ai giovani della città e alle loro famiglie, ma anche al sistema territoriale che si occupa di educazione e cura dei ragazzi: servizi, scuola, associazioni, gruppi di genitori.

La Comunità di Sant'Egidio si impegna a promuovere il coinvolgimento della comunità locale al progetto, a integrazione delle proprie attività educative e ad arricchire il contenuto delle attività sportive previste con iniziative, anche non sportive, di valore e impatto sociale a beneficio della popolazione del quartiere di Sant’Andrea, con una attenzione particolare alle situazioni di fragilità. Si impegna, inoltre, a collaborare con le associazioni sportive e/o altri soggetti individuati dalla Fondazione nell’individuazione dei bambini e delle bambine che potranno beneficiare di alcune Borse Sport per avvicinarli alla pratica sportiva.

La finalità sociale

La firma della convenzione tra i soggetti partner del progetto di rigenerazione urbana delle due aree sportive di Sant’Andrea rappresenta una tappa importante del percorso partecipativo che è stato attivato nei mesi scorsi, grazie a KCity - Rigenerazione urbana che, dopo una prima analisi dei bisogni del quartiere, ha organizzato incontri e tavoli di lavoro con le associazioni sportive e con gruppi amatoriali di sportivi per definire un quadro di interessi, necessità, prospettive e azioni da attuare. Come già avvenuto per la gestione partecipata del Giardino Boroli, anche per questo progetto l’obiettivo ultimo è quello di assicurare l’utilizzo sociale e la vitalità degli spazi pubblici del quartiere di Sant’Andrea, favorendone, in particolar modo, l’accesso alle categorie più fragili.

L’animazione delle aree sarà garantita dalla collaborazione stabile di una rete di associazioni sportive, da singoli cittadini e cittadine, che si impegneranno per valorizzare questi spazi di pubblico interesse e attivare forme di cittadinanza attiva nella cura e gestione delle aree. I partner si impegneranno ad operare secondo una logica di sussidiarietà e sostenibilità, trasparenza e sicurezza, reciproca responsabilità, tolleranza e inclusività, gestione collaborativa attraverso la co-progettazione delle attività, proprio in funzione del coinvolgimento degli abitanti del quartiere e della comunità per lo svolgimento di attività
sportive rivolte alle diverse fasce di residenti: bambini, giovani, famiglie e anche anziani. Su questi principi poggia la partnership che è stata stipulata tra l’amministrazione comunale di Novara, la Fondazione De Agostini e il privato sociale per creare polarità attrattiva attorno alle due nuove aree sportive che nasceranno, finalizzate a diventare luogo di incontro e di socializzazione, non solo per il quartiere di Sant’Andrea e i suoi abitanti, ma più in generale per tutta la città di Novara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sport per tutti a Sant'Andrea": rigenerazione urbana e sociale attraverso la gestione condivisa di spazi comuni

NovaraToday è in caricamento