rotate-mobile
Attualità Borgomanero

Borgomanero, nuovo sportello antiviolenza al consultorio

Il nuovo servizio grazie all'accordo tra Asl Novara e Irene Snc impresa sociale, titolare del Centro antiviolenza area nord novarese

Al consultorio di Borgomanero ha aperto un nuovo sportello che offre alla donne del territorio i servizi del Centro antiviolenza area nord novarese.

Il nuovo servizio è stato attivato grazie all'accordo tra Asl Novara e Irene Sc impresa sociale, titolare del centro antiviolenza.

"Era da molto che immaginavamo, insieme al dott. Didino, di aprire uno sportello all'interno dei locali dell'ospedale - ha spiegato Chiara Zanetta, coordinatrice del centro -. Si tratta di uno spazio protetto all'interno di un luogo già di per sé ritenuto riservato e sicuro dalla donne. Sarà possibile per noi incontrare le donne che per diversi motivi preferiscono non riferirsi direttamente alla nostra sede principale, ma sarà anche occasione di intercettare precocemente persone bisognose di aiuto, anche su segnalazione del personale sanitario".

Lo sportello, aperto tutti i giovedì dalle 10 alle 12, si affianca agli sportelli di Arona, Marano Ticino, Ciss Borgomanero e San Maurizio d'Opaglio.

"Sono felice che finalmente si sia riusciti ad aprire una finestra di ascolto anche nei locali dell'Asl Novara - ha precisato il dott. Claudio Didino, direttore della Struttura Complessa Medicina e Chirurgia d'accettazione e d'urgenza dell'ospedale di Borgomanero - testimonianza concreta della strettissima collaborazione fra operatori sanitari e Centro antiviolenza. Da anni ormai pronto soccorso e Centro antiviolenza uniscono le loro forze e il loro impegno a contrasto dell'odioso e purtroppo frequente fenomeno della violenza di genere, perpetrato nelle modalità più disparate e spesso subdole (violenza fisica, psicologica, economica, sessuale). Nel nostro territorio si è creata una rete virtuosa e solida di  sostegno: le donne devono sapere che chiamando il 1522, recandosi in pronto soccorso o presso gli sportelli del Cav, avranno aiuto, accoglienza, protezione e potranno, se vorranno, iniziare un percorso di affrancamento dal maltrattante, difficile, ma necessario. Anche il ruolo del consultorio materno-infantile è cruciale e non è un caso che proprio nei locali di tale servizio è stato aperto lo sportello: dati Istat segnalano che la violenza sulla donna non si interrompe neppure in gravidanza, con drammatiche conseguenze per la mamma e il nascituro. Quale luogo migliore, quindi, per intercettare anche in questo ambito fragilità, sofferenza e disagio da sostenere e aiutare? Grazie infine alla direzione dell'Asl Novara che con lungimiranza e solidale attenzione ha favorito questa iniziativa".

Continua a leggere su NovaraToday
Seguici anche su Facebook e sul nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgomanero, nuovo sportello antiviolenza al consultorio

NovaraToday è in caricamento