Coronavirus, in Piemonte tamponi a scuola mirati per trovare i contagiati

Passa in secondo piano la proposta dei tamponi a tappeto

La scuola sta per iniziare, ma sono ancora molti i punti da chiarire.

Niente mascherina in classe se c'è la distanza: le nuove regole per l'inizio della scuola

L'assessore regionale Marnati ha annunciato qualche giorno fa che si stava pensando di effettuare tamponi a tappeto nelle scuole, assumendo giovani medici neo laureati. La proposta però non sembra prendere piede in commissione. "L'Assessore Marnati ipotizza squadre di giovani medici impegnati a tappeto sul territorio per effettuare tamponi agli studenti, ma l’assessore alla Sanità non sembra essere della stessa opinione - dice Domenico Rossi, Vicepresidente della Commissione Sanità - Nel corso della commissione Sanità il vicepresidente della commissione ha proposto, in alternativa, di aumentare le postazioni drive-in sul territorio con percorsi dedicati ai soli controlli per le scuole (studenti, insegnanti, personale). Posizione condivisa dall’assessore Icardi che ha parlato del potenziamento della rete degli hotspot distrettuali". 

Quindi non tamponi a tutti, ma solo a chi potrebbe essere entrato in contatto con un contagiato. Questo consentirebbe di controllare subito la positività al virus ed evitare quarantene di asintomatici.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, nuova ordinanza del ministro Speranza: il Piemonte passa in zona arancione

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

Torna su
NovaraToday è in caricamento