Coronavirus, a Cerano volantini di un gruppo anarchico che invitano a "disobbedire alle direttive dello Stato"

Il covid viene definito "influenza". Indaga la polizia locale

Il volantino

Volantini sparsi per il paese che invitano a "disobbedire alle direttive dello Stato" e definiscono il coronavirus come una "influenza".

La polizia locale di Cerano sta indagando per risalire agli autori dei fogli appesi nel Comune dell'Ovest Ticino che invitano a non osservare le regole, soprattutto in questo periodo di pandemia. "Questi volantini recano in alto l'eloquente scritta DISOBBEDIRE seguita nelle righe successive da parole assurde - spiega Alessandro Albanese, assessore alla sicurezza - il covid viene definito una "influenza", la scuola classificata come "fabbrica di piccoli automi", ed il pianeta considerato "da decenni sfiancato dallo sfruttamento capitalistico". Si invita inoltre a "disobbedire alle direttive dello Stato" e "ad ogni autorità" che si tratti "del padre di famiglia, dello sbirro, del prete e di ogni istituzione..." insomma, ce n'è  per tutti. Infine si invita ad "ATTACCARE", si invoca "vendetta per i detenuti massacrati nelle galere a marzo e libertà per i prigionieri politici" nonché a schierarsi contro "ogni tipo di stato e di potere"; in calce la firma "Anarchicx" con una grossa A di anarchia".

"Il fatto certamente non ci allarma - prosegue Albanese - ma non riteniamo nemmeno di farlo passare come una bravata su cui sorridere a fronte del messaggio che si intende far passare, profondamente irrispettoso in particolare nei confronti di chi sta soffrendo veramente a causa della pandemia sotto l'aspetto sanitario, economico ed affettivo. Non si può scherzare con problematiche di tale portata. Cercheremo in ogni modo di risalire ai responsabili i quali dovranno rispondere questo deplorevole gesto".deplorevole gesto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Coronavirus, ancora 7 decessi negli ospedali di Novara e Borgomanero

Torna su
NovaraToday è in caricamento