menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La webserie è visibile sulle pagine Facebook, Instagrame e Youtube "Il Varallino racconta"

La webserie è visibile sulle pagine Facebook, Instagrame e Youtube "Il Varallino racconta"

"Il Varallino racconta": online la webserie dedicata al Santuario di Galliate

Gli affreschi e le sculture delle dieci cappelle interne all'edificio religioso raccontano alcuni dei più importanti momenti della vita di Cristo in un "documentario" digitale

Ha preso il via ieri, martedì 8 dicembre, "Il Varallino racconta", la webserie dedicata al Santuario del Varallino di Galliate, conosciuto anche come chiesa di San Pietro in Vulpiate.

Gli affreschi e le sculture delle dieci cappelle interne all’edificio religioso, conosciute in tutto il territorio novarese, racconteranno alcuni dei più importanti momenti della vita di Cristo in un "documentario" digitale, che è visibile sulla pagina Facebook, Instagram e sul canale Youtube "Il Varallino racconta".

Il progetto, ideato e realizzato dai giovani Alessandro Belletti e Federico Gadda, è composto da nove episodi: uno per ogni scena, eccezion fatta per le ultime due unite in un unico filmato. Ogni episodio, con sigla d’apertura sviluppata appositamente per la webserie, prevede il "racconto" di quanto rappresentato all’interno della stazione attraverso le riprese video di statue e affreschi, accompagnate dalla lettura del testo del Vangelo inerente alla scena raffigurata tramite la voce di Fabio Crivellari, attore attivo nel panorama novarese.

"Siamo molto felici nel dare ufficialmente il via a 'Il Varallino racconta' - ha commentato Alessandro Belletti, uno dei responsabili del progetto - un’iniziativa importante, che pensiamo possa attirare e appassionare credenti e conoscitori delle zone novaresi e non solo. Speriamo inoltre che la webserie possa dare conforto a tutti coloro che vivono con difficoltà questo periodo e che un domani, tornati alla normalità, siano spinti dalla curiosità di vedere dal vivo le opere del Santuario".

Le prime cinque puntate web narrano le scene dei Misteri Gaudiosi, ovvero le cappelle situate sul lato destro interno alla chiesa: hanno  cadenza settimanale e termineranno verso le prime settimane di gennaio. Successivamente, dopo una pausa di quasi due mesi, la pubblicazione riprenderà a marzo con i restanti quattro episodi sui Misteri Dolorosi, i quali, situati sul lato sinistro interno alla struttura, si
concluderanno con l’arrivo della Pasqua 2021.

I capolavori artistici di Dionigi Bussola, Giosué Argenti, Giovanni Battista Dominioni, Grazioso Rusca, Francesco Antonio Biondi, Magno Cogliati e, su tutti, Lorenzo Peracino, potranno ancora stupire credenti e "visitatori", questa volta in versione online grazie all’utilizzo dei social network.

"Per noi il progetto ha anche valenza affettiva dal punto di vista territoriale - ha spiegato Federico Gadda, altro responsabile del progetto - Da sempre il Varallino è un punto di ritrovo, di gioco, di culto e di aggregazione sociale per tante generazioni. Oggi quindi siamo noi, attraverso i canali digitali, a portare il Varallino nelle case di tutti coloro che lo conoscono".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento