Coronavirus, in 4 mesi oltre 100mila chiamate al numero verde della Regione Piemonte

L'assessore Icardi: "Grazie ai volontari delle associazioni e agli studenti di Medicina e Infermieristica per il loro servizio"

Gli operatori del numero verde sanitario regionale

Dal 25 febbraio al 23 giugno gli operatori del numero verde 800192020, istituito dalla Regione Piemonte per gestire l'emergenza sanitaria dovuta al coronavirus, hanno risposto a 100750 telefonate, con un picco, nella fase acuta, di 5173 chiamate il giorno 10 marzo.

Il numero verde è stato attivato all’inizio dell’emergenza per decongestionare l’attività delle centrali uniche di risposta Nue 112 che il 23 ed il 24 febbraio scorso hanno ricevuto una media di 13mila chiamate al giorno, a fronte di una media giornaliera di 7mila telefonate.

"Grazie ai volontari delle associazioni e agli studenti universitari che hanno svolto un servizio di fondamentale importanza con grande professionalità e dedizione - ha commentato l'assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi -. Sappiamo di avere a disposizione una risorsa fondamentale per gestire situazioni di emergenza assoluta. Un ringraziamento anche alla struttura del 118 e alla Centrale di Risposta Nue 112 che in tempi rapidissimi hanno consentito l’attivazione di un servizio di grande importanza per tutti i cittadini".

Inizialmente, nella sede di Grugliasco che ospita la centrale operativa 118, la centrale unica di risposta 112 e il servizio di guardia medica di Torino sono state attivate 8 postazioni: dal 12 marzo, le postazioni telefoniche sono diventate 12, ampliabili a 24. La copertura dei turni di servizio è stata organizzata tramite il personale delle associazioni di volontariato convenzionate con l’Emergenza 118: Anpas, Croce Rossa Italiana, Sogit, Università degli studi di Torino.

Il servizio sanitario regionale ha garantito il coordinamento dell’attività con i propri operatori, attraverso un modello gestionale della chiamata che ha permesso al personale in servizio di presentare le domande da porre e fornire l’indicazione più corretta per le risposte. Nelle linee guida sono state inserite anche le Faq e le risposte autorizzate.

Da questa settimana, il servizio viene garantito tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 22 con risposta da parte di personale del servizio sanitario regionale: decisione determinata dalla oggettiva diminuzione delle chiamate giornaliere e dalla necessità di "liberare" i volontari che per 4 mesi hanno garantito la loro presenza h24.

La strutturazione logistica del call-center viene comunque mantenuta "pronta e disponibile" qualora ve ne fosse la necessità: le associazioni di volontariato, come sempre, hanno garantito la loro disponibilità ad ulteriori azioni di supporto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, in Piemonte tamponi rapidi a pagamento anche per i privati cittadini

  • Coronavirus, troppi ricoveri a Novara: riapre un reparto covid al Maggiore

  • Coronavirus, da lunedì anche in Piemonte coprifuoco dalle 23 alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento