Lunedì, 20 Settembre 2021
Salute

Novara, oltre 130 pazienti in cura nell'ambulatorio di andrologia del Maggiore

"L’andrologia svolge un ruolo fondamentale nelle varie fasi della vita dell’uomo" spiega il prof. Gianluca Aimaretti

Aimaretti

Sono 130 i pazienti affetti da patologia complesse seguiti dall’ambulatorio di Andrologia medica, endocrinologia della riproduzione e medicina della sessualità che afferisce alla struttura endocrinologia (diretta dal prof. Gianluca Aimaretti) dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Novara

"L’andrologia svolge un ruolo fondamentale nelle varie fasi della vita dell’uomo, occupandosi del controllo del normale sviluppo e funzione dell’apparato genitale, nonché di prevenzione, diagnosi e terapia delle patologie andrologiche, dell’infertilità e dei disturbi della sfera sessuale. Si stima che 1 maschio su 3 sia affetto da problemi andrologici, la cui tipologia varia a seconda della fascia d’età – afferma il prof. Aimaretti – Inoltre, la maggiore aspettativa di vita comporta un progressivo incremento dell’incidenza delle patologie andrologiche, che sono ad oggi divenute un problema di rilevanza sanitaria e sociale".

Le principali patologie in ambito di Andrologia Medica nei soggetti adulti sono rappresentate da:

1. Ipogonadismo: si tratta di una sindrome caratterizzata da una ridotta capacità testicolare nel produrre livelli fisiologici di testosterone e spermatozoi quantitativamente/qualitativa adeguati

2. Deficit erettile (DE): è definita come la persistente incapacità, per almeno tre mesi, a raggiungere e/o a mantenere un’erezione sufficiente a condurre un rapporto sessuale soddisfacente.

3. Disturbi dell’eiaculazione: comprendono l’eiaculazione precoce (EP), l’eiaculazione ritardata (ER), l’eiaculazione retrograda e l’aneiaculazione (assenza di eiaculazione).

4. Infertilità maschile: è definita come l’incapacità a ottenere un concepimento dopo un anno di rapporti regolari e non protetti. Si stima che l’infertilità colpisca circa il 15-20% delle coppie nei paesi industrializzati.

5. Ginecomastia: è definita come l’incremento volumetrico mammario per proliferazione benigna dei dotti mammari e dello stroma periduttale, determinato da uno squilibrio nel rapporto tra estrogeni e testosterone a favore dei primi.

"Per la peculiarità della patologia trattata – conclude il prof. Aimaretti -  la complessità della stessa e la multidisciplinarità necessaria sono attivate collaborazioni con le strutture dell’Aou di urologia, ginecologia (problematiche di infertilità), laboratorio di analisi e psichiatria".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, oltre 130 pazienti in cura nell'ambulatorio di andrologia del Maggiore

NovaraToday è in caricamento