Haloterapia: come curarsi con il sale per prevenire un raffreddore o migliorare un'allergia

Di seguito sono spiegati tutti i benefici della terapia e dove farla a Novara

Al mare, se si soggiorna in località caratterizzate da litoranei scogliosi, si ha la possibilità di inalare naturalmente la salsedine marina.

Il sale e lo iodio fanno sì che si verifichi quell’aumento della produzione di muco nasale e di espettorazione che, in maniera caratteristica, si verifica soprattutto nei primi giorni di permanenza al mare.

Dopo poco tempo il naso si asciuga e non gocciola più, e i linfonodi del collo che tanto e spesso allarmano le mamme, hanno modo di tornare in uno stato di quiescenza e riducono progressivamente il loro volume: ecco perché ai bambini classificati una volta come “linfatici” era consigliato il soggiorno marino.

Sarebbe comodo vivere a pochi passi dal mare o, pur vivendoci, avere il tempo di godere dei suoi benefici tutto l’anno, purtroppo questo è un privilegio di pochi.

La terapia del sale può essere in questo caso la risposta ai nostri bisogni.

Il trattamento avviene all’interno di apposite cabine in legno (le grotte Aerosal) le cui pareti, soffitti e pavimenti sono interamente ricoperti di sale marino; le persone si siedono al loro interno e, grazie ad un dispositivo caricato con sale medicale, ne respirano le particelle nebulizzate in quantità controllate. La seduta dura mezz’ora, tempo in cui la temperatura e l’umidità della stanza vengono mantenute costanti. Per entrarvi non servono particolari accorgimenti o un abbigliamento specifico, solo delle sovrascarpe usa e getta per garantire l’igiene della grotta. 

Questo tipo di trattamento è adatto ad alleviare e prevenire molti problemi delle vie respiratorie superiori quali, bronchiti, asma, allergie, e molte malattie dermatologiche, senza contare i suoi influssi benefici nei processi di riabilitazione, in situazioni di stress, ansia, disturbi del sonno e nervosismo.

Non essendo assolutamente invasiva è adatta sia per gli adulti che per i bambini; questi ultimi possono giocare all’interno delle grotte e, se piccolissimi, godere comunque anche degli effetti benefici della cromoterapia grazie alle luci che si trovano sul soffitto delle cabine.

Non possono accedere al trattamento esclusivamente le persone sotto cure chemioterapiche, affette da ipertiroidismo o che presentino una patologia broncopolmonare in fase acuta con febbre alta.

Occorre precisare tuttavia che la “Terapia del sale” non va comunque considerata un’alternativa a trattamenti farmacologici in essere.

Il ciclo ideale è di 10-12 sedute da ripetere più volte durante l’anno, preferibilmente (ma non necessariamente) a cadenza giornaliera.


I benefici si protrarranno poi per un periodo di tempo che va da sei mesi ad un anno, a seconda dei casi.

Insomma, se non è possibile portare il mare vicino a casa, la terapia del sale fa almeno in modo che si possano sfruttare al massimo i suoi effetti benefici sulla salute con risparmio di tempo e denaro.

DOVE RIVOLGERSI

VILLAGGIO DEL BENESSERE - Via Risorgimento, n. 50, 28010 Caltignaga NO Tel.0321 653625

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borgomanero, chiuso dal Questore il bar Capolinea: "Abituale ritrovo di persone pericolose"

  • Fontaneto, schianto fra due auto: è morto l'uomo portato in gravi condizioni a Borgomanero

  • Fontaneto, schianto mortale: e' un anziano di Oleggio molto conosciuto la vittima dell'incidente

  • Fontaneto, schianto fra auto: un uomo in pericolo di vita e una altro gravissimo in rianimazione

  • Incidente a Novara, pedone investito da un'auto in corso Risorgimento

  • Cosa fare in città: gli appuntamenti del fine settimana del 14 e 15 settembre

Torna su
NovaraToday è in caricamento